Quadrio Curzio: "Donne e Scienza", da Onu grande incoraggiamento

Codice da incorporare:
di Askanews

Roma, (askanews) - "La giornata 'Scienza e Donne' delle Nazioni Unite è molto importante ed è un incoraggiamento apicale per la più grande organizzazione multinazionale esistente per far sì che queste giovani scienziate abbiamo a sostenere coraggiosamente il ruolo delle donne nella scienza stessa".Così Alberto Quadrio Curzio sulla "Giornata internazionale delle Donne e delle Ragazze nella Scienza" che si celebra l'11 febbraio. Il presidente dell'Accademia Nazionale dei Lincei ha presentato a Roma la conferenza "Il Cern, un laboratorio mondiale per la ricerca e molto di più" a fianco di Fabiola Gianotti, accademica dei Lincei e prima donna a ricoprire il ruolo di direttore generale del Cern."Noi - ha ricordato Quadrio Curzio - abbiamo avuto il Premio Feltrinelli Giovani per la Scienza, due uomini e due donne, ciascuno dei quali ha vinto il premio per ragioni di esclusivo merito, e dimostrano quale sia la capacità delle donne stesse nella scienza. E devo dire - ha aggiunto - che le conferenze successive a questa vedranno l'economista indiana Bina Agarwal che si è battuta per avere le leggi di successione terriera aperte alle donne, a cui era preclusa; poi avremo Berit Reiss-Andersen, la presidente del Comitato per il Premio Nobel per la Pace da molti anni e poi a maggio avremo un'altra collega scienziata che ha fatto anche politica della scienza, perché - ha concluso Quadrio Curzio - fare scienza vuol dire anche battersi per la politica della scienza".I prossimi appuntamenti del ciclo di conferenze con protagoniste scienziate di fama internazionale organizzate dall'Accademia dei Lincei vedranno la presenza l'8 marzo prossimo della senatrice a vita e accademica dei Lincei Elena Cattaneo, il 9 marzo di Bina Agarwal, il 20 aprile di Berit Reiss-Andersen.