Ecco la prima ricostruzione 3D di una nube interstellare

Il lavoro di due astronomi dell'Università di Creta e della Fondazione per la Ricerca e la Tecnologia - Hellas (Forth) che ora punta a far meglio comprendere come nascono le stelle

TiscaliNews

Ha la forma di un pancake la prima nube interstellare di cui si è riusciti ad ottenere un'immagine in 3D: la difficile impresa, realizzata da due astronomi dell'Università di Creta e della Fondazione per la Ricerca e la Tecnologia - Hellas (Forth), non solo rivela la vera struttura della nube Musca, che si pensava assomigliasse di più ad un ago, ma permetterà anche di capire meglio l'evoluzione di queste "culle di stelle" e i processi che avvengono al loro interno. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science.

E' la prima ricostruzione 3D di una nube interstellare

La ricostruzione in 3D della struttura di una nube interstellare è una sfida complessa, perché gli oggetti astronomici possono essere osservati nel cielo solo in due dimensioni. Aris Tritsis (che lavora anche all'Università Nazionale Australiana) e Konstantinos Tassis ci sono riusciti grazie alle particolari striature presenti sulla nube Musca, che si sono formate grazie all'eccitazione prodotta da veloci onde magnetiche: in pratica la nube sta vibrando, proprio come una campana che suona dopo essere stata colpita.

Musca sarà utilizzata come modello teorico

Analizzando la frequenza di queste onde, i due ricercatori sono riusciti a produrre un modello tridimensionale della nube, mostrando che non è un lungo e sottile filamento come si credeva ma una struttura vasta e piatta. Tritsis e Tassis sottolinenano che adesso Musca potrà essere utilizzata come modello teorico anche per le altre nubi interstellari.

Riferimenti