Addio bollette: pronta la macchina dell'acqua, la estrae dall'aria

Il dispositivo funziona anche in ambienti dal clima molto secco, grazie all'energia solare

Addio bollette: pronta la macchina dell'acqua, la estrae dall'aria
Redazione Tiscali

In futuro ogni casa potrebbe avere una macchina che rifornisce i suoi abitanti di tutta l'acqua di cui hanno bisogno 'estraendola' dall'aria. Quel futuro è dietro l'angolo. Un gruppo di ricercatori coordinati dal Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha costruito un dispositivo che riesce a raccogliere l'acqua assorbendola dall'aria anche in ambienti dal clima molto secco, grazie all'energia solare. Lo studio è stato pubblicato su Science. 

La macchina dell’acqua

La macchina è stata realizzata con un materiale speciale, prodotto dall'Università della California a Berkeley, un metallo organico, conosciuto come MOF. Il prototipo è stato in grado di 'estrarre' 2,8 litri di acqua dall'aria in 12 ore, con una percentuale di umidità nell'aria del 20-30, utilizzando un chilogrammo di MOF. "Questo è un importante passo avanti nella lunga sfida alla raccolta dell'acqua dall'aria in condizione di bassa umidità", ha detto Omar Yaghi, dell'Università di Berkeley, uno degli autori dello studio.

Strutture di metallo organico, inventate 20 anni fa

Secondo Yaghi, attualmente, non c'è altro modo di produrre acqua dall'aria se non consumando fonti di energia extra: "un qualsiasi deumidificatore elettrico casalingo che 'produce' acqua è molto costoso".  Yaghi inventò strutture di metallo organico più di 20 anni fa, combinando metalli come magnesio o alluminio con molecole organiche in una disposizione ispirata ad un famoso gioco di per bambini, il Tinkertoy. Da allora, più di 20.000 metalli simili sono stati realizzati da ricercatori di tutto il mondo.

La ricerca prosegue

Questo sistema, secondo Yaghi, lascia spazio a molti miglioramenti per poter aumentare la sua efficacia a livelli di umidità anche inferiori. Ora è "solo una questione di ulteriore ingegnerizzazione".