La svolta di Google, priorità all'intelligenza artificiale

Codice da incorporare:
di Askanews

Mountain View (askanews) - Google punta forte sull'intelligenza artificiale. E per questo obiettivo Big G sta reinventando tutti i suoi prodotti. Lo ha annunciato da Mountain View il ceo Sundar Pichai, nel corso di I/O 2017, la conferenza dedicata agli sviluppatori."In un mondo che dà la priorità all'intelligenza artificiale, stiamo ripensando tutti i nostri prodotti e utilizziamo l'intelligenza artificiale per risolvere i problemi degli utenti. Facciamo questo con tutti i nostri prodotti""Se usiamo il motore di ricerca, ad esempio, funziona diversamente grazie all'auto-apprendimento della macchina. Oppure, prendete Google Map, Street View riconosce automaticamente le insegne dei ristoranti o i cartelli stradali grazie allo stesso processo di auto-apprendimento".Tra i nuovi prodotti pensati per la nuova era "A.I." c'è sicuramente Google Lens, che è stata presentata a Mountain View. E' la nuova app di ricerca per immagini che verrà integrata in Assistant e Google Foto. Grazie alla combinazione tra l'esperienza di Realtà Aumentata e la potenza offerta dallo sviluppo delle AI, Google Lens permetterà di sfruttare la fotocamera dello smartphone per scoprire maggiori dettagli sul mondo che ci circonda, effettuare ricerche e svolgere azioni smart."Non parlo giapponese - ha spiegato Scott Huffman, vice-president del dipartimento ingegneria di Google - non potevo leggere il cartello all'ingresso del ristorante. Ma Google Translate conosce oltre un centinaio di lingue e il mio assistente può aiutarmi con una traduzione visiva. Basta cliccare sull'icona Google Lens, puntare la fotocamera verso il cartello e il mio assistente tradurrà tutto".Per tutti gli analisti presenti al meeting il futuro di Google è segnato."Questa conferenza sta marcando un vero cambiamento - spiega l'analista di Forrester Michael Facemire - la priorità per Google non è più il mobile, ma l'intelligenza artificiale. Compare in ogni nuovo prodotto, tutto deve essere più umano, più personale e più personalizzato".