Il rivoluzionario test che rivela i tumori anche ai primissimi stadi e permette di curarli

Si chiama Iset, è una scoperta dell'oncologa italiana Patrizia Paterlini-Brechòt e arriva dove Tac ed ecografia non riescono. "Voglio renderlo gratuito"

L'oncologa italiana Patrizia Paterlini-Bréchot
L'oncologa italiana Patrizia Paterlini-Bréchot
Redazione Tiscali

Uccidere il cancro è il libro della oncologa italiana Patrizia Paterlini-Bréchot, docente di biologia cellulare e molecolare all’Università Paris-Descartes, che illustra uno straordinario e nuovo scenario nella cura dei tumori. La Paterlini-Bréchot, allieva di Franco Coppo e laureata a Modena, spiega come è possibile capire con un semplice esame nel sangue se nell'organismo umano si sta sviluppando il cancro, isolarlo e bloccarlo per tempo. E' stata la professoressa Paterlini-Bréchot a mettere a punto l'Iset (Isolation by Size of Epithelial Tumor Cells). E' un test che rivela, dal semplice prelievo ematico, se sono presenti cellule tumorali nel sangue.

La missione: via i costi, accessibile a tutti

La ricercatrice italiana è entrata nella squadra dell'oncologo francese Christian Bréchot, di cui è anche diventata compagna nella vita. Mediante il test Iset, messo a punto già un anno e mezzo fa, è possibile rilevare le cellule tumorali nel sangue anche ai primissimi stadi della malattia, senza attendere che la massa cancerosa si ingrandisca al punto di essere rilevata da ecografie o Tac. E dunque, ad uno stadio in cui l'indice di mortalità cresce esponenzialmente e le cure diventano potenzialmente meno efficaci. E' un metodo di filtrazione per isolare dal sangue le cellule tumorali circolanti (CTC) in modo da permettere la loro identificazione diagnostica tramite citopatologia e loro caratterizzazione molecolare. La missione dell'oncologa italiana ora è duplice: rendere il test ancora più efficace (è già stato usato anche a Nizza, con successo, nel rilevare il tumore allo stadio iniziale in cinque pazienti affetti da broncopatia) e metterlo a disposizione di tutti in modo gratuito. Attualmente, infatti, l'Iset costa 486 euro, e la Sanità non lo rimborsa.