Come in una camera a gas, nel 2016 oltre 6 milioni di persone morte a causa dell’aria inquinata

La situazione peggiore si registra in Asia, ma il problema riguarda il 95 per cento della popolazione mondiale

Come in una camera a gas, nel 2016 oltre 6 milioni di persone morte a causa dell’aria inquinata
TiscaliNews

Il pianeta è come una gigantesca camera a gas. I fumi prodotti dall’industria, gli scarichi delle automobili e i gas serra generati dagli allevamenti animali stanno soffocando le popolazioni di tutto il mondo. Nel 2016, stando a quanto emerge da un inquietante rapporto dell’Ong statunitense Health Effects Institute, ben 6 milioni e 100 mila persone sono morte a seguito di patologie riconducibili alla qualità dell’aria. A vedersela peggio di tutti sono i residenti nel continente asiatico, ma il problema riguarda il 95 per cento della popolazione mondiale.

Come in una camera a gas

Lo studio, i cui risultati si basano su dati satellitari integrati con il monitoraggio a terra, evidenzia che un terzo della popolazione è pericolosamente esposto sia all'inquinamento esterno che a quello interno, provocato dai combustibili fossili utilizzati nelle stufe. La quasi totalità della popolazione mondiale, e per dare un’idea di grandezza stiamo parlando di 7 miliardi di persone, vivono in zone in cui le polveri sottili superano i limiti delle linee guida Oms, mentre il 60 per cento della popolazione supera anche i limiti meno stringenti.

Rischi maggiori per chi ha problemi respiratori

Il problema è più acuto in Asia, con India e Cina che da sole portano il peso della metà delle vittime. Va comunque detto che Pechino si sta impegnando, facendo sforzi importanti per lanciare iniziative in grado di abbattere i tassi di inquinamento del paese. "L'inquinamento - ricorda Bob O'Keefe, uno degli autori dello studio - rende più difficile respirare per chi ha problemi ai polmoni, provoca ricoveri all'ospedale, e alle morti premature”.