Fabiola Gianotti al comando del Cern. E' la prima donna in 61 anni di storia

"Non vedo l'ora di scoprire che cosa la Natura ci riserva", ha detto il nuovo direttore generale del laboratorio europeo di fisica delle particellene

Fabiola Gianotti al comando del Cern. E' la prima donna in 61 anni di storia
Fabiola Gianotti
Redazione Tiscali

Eccellenza e innovazione, attenzione alla formazione dei giovani e l'emozione di trovarsi sulla soglia di qualcosa di nuovo e imprevisto: Fabiola Gianotti è  la prima donna alla guida del Cern nei 61 anni di storia del laboratorio europeo di fisica delle particelle. "Non vedo l'ora di scoprire che cosa la Natura ci riserva", ha detto a il nuovo direttore generale del Cern.

Con Fabiola Gianotti per la terza volta un italiano è a capo del più importante laboratorio di fisica delle particelle a livello internazionale. Il primo era stato il Nobel Carlo Rubbia, dal 1989 al 1994, seguito da Luciano Maiani (dal 1999 al 2003). Un altro italiano, Edoardo Amaldi, era stato tra i fondatori del Cern. Al momento della sua nomina, annunciata nel novembre 2014, Gianotti aveva detto di voler lavorare in nome di scienza e pace, ed ora è pronta a realizzare il suo programma: "mi adopererò - ha detto - per espandere l'eccellenza del Cern nella ricerca scientifica in fisica fondamentale e nello sviluppo di tecnologie innovative.

La formazione dei giovani e la collaborazione pacifica di migliaia di scienziati di tutto il mondo sono altri aspetti cruciali della missione del Cern". Nata a Roma 53 anni fa, Fabiola Gianotti ha studiato a Milano ed è stata fra i protagonisti della scoperta del bosone di Higgs, annunciata nel luglio 2012. E' stata un'avventura indimenticabile, ma il periodo che si sta aprendo al Cern promette di non essere da meno. Il più grande acceleratore di particelle del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc) ha infatti cominciato a funzionare all'energia record di di 13.000 miliardi di elettronvolt (13 TeV), aprendo territori inesplorati della fisica. Le attese sono grandissime, come dimostra il fermento che sollevato dai dati preliminari che sembrerebbero indicare una nuova particella, ma tutti da confermare.

"La prudenza è d'obbligo - ha rilevato Gianotti - perché le indicazioni che abbiamo finora sono estremamente deboli; potrebbero essere il primo vagito di una nuova particella o semplicemente una fluttuazione statistica. Ne sapremo di più a metà del 2016". Al di là di questi indizi, i dati dell'Lhc potranno rispondere a molte domande cruciali della fisica. "L'Lhc - ha osservato Gianotti - è stato concepito e costruito per affrontare numerose questioni aperte nella nostra comprensione della fisica fondamentale".

"La scoperta del bosone di Higgs ci ha permesso di far luce su uno dei misteri che ci hanno accompagnato per decenni: l'origine delle masse delle particelle elementari. Altre domande importanti e affascinanti attendono risposte. Fra queste la composizione della materia oscura, che costituisce circa il 23% dell'universo. E poi: perché l'universo è fatto prevalentemente di materia, mentre l'antimateria é scarsissima. Ma ce ne sono molte altre, ed è difficile dire a quali fra queste domande saremo in grado di rispondere più rapidamente, perchè le risposte sono nelle mani della Natura". Senza contare che "l'Lhc potrebbe anche aprire nuovi quesiti di cui oggi non siamo consapevoli".

C'è moltissimo da scoprire, tanto che ormai si parla di una 'nuova fisica' alle porte: di che cosa si tratta? "Ci sono molte teorie di nuova fisica e fra queste la Supersimmetria è fra le più affascinanti", ha detto la direttrice del Cern riferendosi alla teoria secondo la quale ogni particella ha una particella speculare e nascosta. "Ma uno scienziato - ha concluso - deve porsi di fronte alla Natura senza idee preconcette. E la sorpresa, scoprire qualcosa di veramente inatteso e non previsto, è la più bella ricompensa per chi fa ricerca. Non vedo l'ora quindi di scoprire che cosa la Natura ci riserva".