'Ballata di uomini e cani' in scena allo Splendor

Tiscali

Aosta 21.01.2016 (DM) - Andrà in scena martedì 26 e mercoledì 27 gennaio 2016, alle ore 21, al Teatro Splendor di Aosta, lo spettacolo teatrale Ballata di uomini e cani, di e con Marco Paolini.

Un tributo a Jack London, composto di tre suoi racconti Macchia, Bastardo e Fare un fuoco che Marco Paolini interpreta davvero a modo suo.
Lo spettacolo ha la forma di un canzoniere teatrale con musiche e canzoni ad essi ispirate che non svolgono funzione di accompagnamento ma di narrazione alternandosi e dialogando con la forma orale.

Il primo racconto è ironico, lieve, parla di un cane, Macchia, con un occhio nero, bello, simpatico e furbo, troppo furbo. L'unico cane da slitta che non sa, o non vuole tirare.

Il secondo racconto cambia il tono della narrazione. Bastardo è il cane protagonista, Black Leclère il suo padrone. Li lega l'odio. Scelto nella cucciolata perché brutto e ringhioso, bastardo appunto. Cresceranno in simbiosi, nel freddo, nella fatica, nella paura reciproca.

Il terzo racconto è la scintilla da cui è scaturito lo spettacolo To build a fire - Preparare un fuoco. Non accendere ma preparare. La storia, più volte riscritta dallo stesso Jack London è quella di un uomo e del suo cane, entrambe senza nome, che durante la corsa all'oro, nello Jukon, tentano una strada diversa, più breve ma più rischiosa.

Oltre ai racconti, due ballate, una dedicata al Jack London vagabondo per scelta, che negli anni della crisi (quella del 1896) sale abusivo sui treni, in cerca di una possibilità di futuro, rischiando la morte sotto le rotaie, l'altra dedicata a Zaher Rezai, un ragazzino afgano uno dei tanti vagabondi che oggi per cercare un futuro sono costretti a passaggi abusivi, rischiando la vita in acque nere, in terre desolate o come Zaher, sotto le ruote di un tir, il 10 dicembre 2008, a due passi da Venezia.

La Saison Culturelle 2015/2016 è realizzata dall'Assessorato Istruzione e Cultura della Regione autonoma Valle d'Aosta col patrocinio della Fondazione CRT Cassa di Risparmio di Torino.

Abbiamo parlato di:

Marco Paolini Facebook