Biotestamento: Cirinnà, poco ottimista

Biotestamento: Cirinnà, poco ottimista
di ANSA

(ANSA) - CAGLIARI, 21 APR - "Dopo il timido passo fatto con le unioni civili, una legge importante che ha dato riconoscimento e felicità a tante persone, arriva in Senato il biotestamento e si sa quale siano le difficoltà dei numeri in Aula. Io sono parzialmente ottimista, ma non troppo". Lo ho detto la senatrice del Pd, Monica Cirinnà, che oggi chiude a Cagliari un tour in Sardegna a sostegno della mozione di Andrea Orlando in vista delle primarie Pd del 30 aprile. "L'Italia comincia ad affacciarsi alla civiltà - ha aggiunto - in realtà il freno a mano sui diritti è ancora tirato. Noi siamo fermi in Senato con alcune leggi importanti, prima tra tutte lo ius soli. Ricordo che ci sono 650 mila persone nate in Italia che per il nostro Stato non esistono. Abbiamo il freno a mano tirato in commissione giustizia al Senato su leggi importantissime come quella sull'omofobia, sul cognome della madre, sulle origini biologiche e sulla tortura", ha concluso Cirinnà. (ANSA).