Nu piàtte de pesìidde: oggn'e marìte devènde gardìidde (a cura di Felice Giovine)

di Felice Giovine

Piselli e pasta: ogni marito diventa galletto


Più che dieta mediterranea si dovrebbe dire dieta dell’Italia meridionale o meglio dieta pugliese.


In questo immenso tesoro alimentare brillano perle gastronomiche gustosissime donateci ogni anno dalla divina Provvidenza.


Perciò siano benvenute sulle nostre mense le loro altezze: i piselli.


Dall’aspetto gaio, ogni baccello aperto sembra la bocca sorridente di un bimbo.


I nostri piccoli sono sempre di cattiva voglia di fronte ad un ‘pasto per grandi’.


Con i piselli fanno festa. I fiabeschi chicchi danno l’idea di caramelline, di piccoli confetti o di qualcosa che proviene dal mondo delle fate. Gli adulti non vedono che perle verdi ad allietare il palato del buongustaio.


Fra i legumi freschi, i piselli possegono una percentuale di proteine superiore ai confratelli, un alto contenuto di minerali, vitamine ed una trascurabile presenza di grassi. Surgelati, addirittura, sono più ricchi di vitamine di quelli allo stato fresco. Fino ad essere a disposizione del consumatore i piselli subiscono un lungo stazionamento nei mercati all’ingrosso ed al minuto oltre l’immagazzinamento e il trasporto. Poiché il surgelamento viene effettuato con il prodotto appena colto, la vitamina C risulterà del 92% nel prodotto surgelato, del 50% in quello fresco, mentre i piselli in iscatola ne conterranno appena il 36%.


A parte gli innumerevoli usi dei piselli nella cucina nostrana, oggi vale la pena di proporre il classico piatto barese:


pesìidde e ppaste.


Ecco come si procede: Iìnd’a nu tiàne se mèttene cìinde gramme d’ègghie d’auuì (in un tegame si mettono 100 grammi di olio extravergine d’olive), nu pìcche de llarde un po’ di lardo, na cepòdda tagghiàte fìna fìne e se fasce cosce finghe acquànne la cepòdde s’ha ffatte bbiònde (una cipolla tagliata sottile e si lascia cuocere finché la cipolla diventi bionda). Pò s’ammènene le pesìidde frìscke pelzàte, se sciònge nu pìcche de pèpe, pedresìne e se làssene sop’o ffuèche (si aggiungono i piselli, un po’ di pepe, prezzemolo e si lasciano andare fino a giusta cottura). Pò se cosce a pparte la pasta corte oppùre vremecìidde spezzàte o granerìse (a parte si cuoce la pasta corta o vermicelli spezzati oppure riso) , acquànne sò ffatte, se scuèsce e se mmèsckene le pesìidde (cotti, si scolano e si aggiungono i piselli). S’aggìrene bèlle bèlle e se fàscene le piàtte (si mescola il tutto e si serve).


La moglie: Fiòre de rafanìidde / Quànne u marìte mì se mange le pesìidde / Da peddàste devènde gardìidde (Fiore di ravanello: quando il marito mio si mangia i piselli da pollastra diventa galletto).


Il marito: Fiòre de margarìte / Tu non zìinde cchiù amòre, ma preddìte. (Fiore di margherita: Tu non senti più amore, ma solo prurito). 


Quànne l’auuì fiorìssce ad abbrìle, le cuègghie a varrìle”: quando l’ulivo fiorisce ad aprile, raccogli le ulive a barili.


Sande Stàse, oggn’e ffàve ha ffàtte u nase”: a Sant’Anastasio (27 aprile), ogni fava ha già il nasello.


 

18 marzo 2012
 
Diventa fan di Tiscali su Facebook
Stampa
 
 
Tiscali Socialnews
Per accedere clicca qui
© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali