Sindaco Piunti, danno indiretto sisma

Sindaco Piunti, danno indiretto sisma
di ANSA

(ANSA) - SAN BENEDETTO DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 19 MAR - Riconoscere il danno indiretto provocato dal terremoto anche alle attività economiche e per l'indotto delle città che hanno accolto gli sfollati. Lo chiede il sindaco di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) Pasqualino Piunti. "Sono andato a Roma - racconta all'ANSA - per sollecitare un emendamento in questo senso". San Benedetto è stata la prima città della costa ad accogliere gli sfollati del sisma, dopo le prime scosse di agosto, e ora si trova con circa 2.000 'residenti' in più (tra hotel e Cas), su una popolazione di circa 48 mila abitanti. A San Benedetto si è stabilita tra l'altro quasi tutta la popolazione di Accumoli. Ci sono anche molti abitanti di Arquata del Tronto, con tanto di scuola per i bambini: loro invece sono arrivati dopo il sisma di fine ottobre. Delle città dentro la città, "che siamo lieti di accogliere" sottolinea il sindaco Piunti, ma che hanno messo in crisi il sistema dei servizi.