Finita odissea iracheni corvette Spezia

Finita odissea iracheni corvette Spezia
di ANSA

(ANSA) - GENOVA, 19 MAG - Finisce dopo oltre 26 anni l' odissea dei marinai iracheni che hanno fatto la 'guardia' alle due navi da guerra bloccate alla Spezia in seguito all'embargo decretato dall'Onu. Sono iniziate ieri, infatti le attività che porteranno all'inizio del trasferimento dalla Spezia verso il porto di Umm Qasr, in Iraq, delle due corvette Mussa Ben Nassair e Tariq Ibn Ziad, già battenti bandiera irachena ma rimaste in Italia dal 1990 per le conseguenze della risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu con cui veniva vietata la vendita di armi o altro equipaggiamento militare all'Iraq in seguito all'invasione del Kuwait e allo scoppio della prima Guerra del Golfo. I militari rimasti a sorvegliare le corvette, occupandosi soprattutto della manutenzione, si sono avvicendati con altri marinai con cadenza quasi annuale e non hanno mai avuto particolari restrizioni. Comandati da un ammiraglio e da un ufficiale, hanno vissuto quasi sempre a bordo recando si fare la spesa all'esterno dell'Arsenale.