Toti: referendum su voucher è un regolamento di conti a sinistra

askanews

Genova (askanews) - "Considero questo referendum un regolamento di conti a sinistra, uno scontro tutto interno alla sinistra su una bruttissima legge che non avrei mai approvato e con un rimedio, quello auspicato dal massimalismo della Cigl, ancora peggiore". Lo ha detto il governatore della Liguria e consigliere politico di Forza Italia, Giovanni Toti, parlando del referendum per l'abolizione dei voucher."Mi auguro che il Parlamento - ha sottolineato Toti - ci metta una pezza perché gli italiani non possono essere chiamati a votare due volte in tre settimane tra referendum e amministrative: abbiamo appena fatto un referendum costituzionale, sta diventando un vizio tra i peggiori della politica"."Spero che il Parlamento - ha aggiunto il governatore ligure - possa trovare un punto di mediazione serio e che serva soprattutto al lavoro perché di lavoro si parla troppo ma si creano pochi posti di lavoro. L'Italia -ha concluso Toti- ha unadisoccupazione tale che non può permettersi più questo teatrino osceno tra le forze politiche".