Le finte "Iene" dei 5 Stelle inseguono Orfeo (direttore del Tg1): "Hai censurato Consip e Raggi". E lui se ne va

Tiscali

Sono due componenti dello staff dei 5s al Senato le finte "Iene" che hanno preso di mira il direttore del Tg1 Mario Orfeo. Il M5s attacca infatti sul blog di Beppe Grillo e sui social il direttore del telegiornale Rai, accusandolo di aver relegato in secondo piano l'inchiesta Consip e aver censurato il discorso di Virginia Raggi alle celebrazioni dei 60 anni dei Trattati europei. Nel video, pubblicato sul sito del fondatore, una persona che si qualifica come giornalista, accompagnata da un operatore che gira le riprese, pone in due momenti diversi alcune domande a Orfeo, cogliendolo per strada. "Riguardo alla gestione del Tg1 - gli viene chiesto - perché Grillo e Di Battista indagati per diffamazione per una querela sono stati tutti i giorni sopra le prime pagine del vostro telegiornale, mentre sul caso Consip, nulla...niente da dire?". Il giorno successivo i due sorprendono Orfeo mentre è al telefono e sta per salire sulla sua auto e gli chiedono: "Direttore ci può rispondere come mai ha censurato la Raggi per i Trattati di Roma? Per favore ci risponda. Non usi il telefonino alla guida, mi raccomando. Scappa anche oggi?". Il direttore se ne va senza rispondere. Una scritta in sovraimpressione lancia l'hashtag #OrfeoRispondi, che in breve tempo rimbalza sui social e viene rilanciato su Twitter da moltissimi esponenti grillini, a cominciare da Luigi Di Maio.