L'assurdo ordine della Raggi che spiazza i turisti: "Guardare la Fontana di Trevi senza fermarsi"

Rai.TV

"A Fontana di Trevi stiamo stabilendo non solo turni più intensi dei vigili ma anche un percorso di fruizione che non consenta di fermarsi". Proprio così. Guardare senza fermarsi. Lo ha detto ieri la sindaca Virginia Raggi nel salotto di Bruno Vespa a "Porta a Porta". Sono settimane che infuria la polemica per la folla di turisti che si assiepa intorno al gioiello barocco del Settecento. E all'idea del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, di mettere un limite, una barriera all'affluso di visitatori, che spesso salgono sul monumento, oppure usano la vasca per pediluvi, tuffi o passeggiate seminudi sul modello della Dolce vita, il Campidoglio aveva risposto, per voce dell'assessore alla Cultura, Luca Bergamo, con un niet: la città non si mette in gabbia. E invece nel palazzo del Campidoglio stava maturando un'idea che non ha precedenti: costringere turisti e romani a uno sguardo fugace. Ma senza fermarsi davanti al capolavoro del Nettuno tra i flutti. Solo un'auto dei vigili urbani, a volte due, piantonano la piazza alle pendici del Quirinale. E gli agenti si dannanno l'anima per redarguire gli incivili e multare i maleducati. "Roma è piena di monumenti, di siti. Li stiamo già piantonando h24, ma non ho il potere di moltiplicare i vigili" ha insistito la prima cittadina. Niente cancellate e catenelle quindi. Ma solo un percorso obbligato da percorrere. Senza sosta.