Il deputato del Pd cacciato dall'Unità a sua insaputa

Radio RAI

Il deputato del Pd Andrea Romano non è più il condirettore dell’Unità. Il quotidiano fondato da Gramsci gli ha dato il benservito senza neppure avvisarlo. "Il mio allontanamento è avvenuto senza che nessuno mi abbia detto nulla. Né io né il Pd sapevamo nulla. L’ho scoperto leggendo la gerenza del giornale dove era sparito il mio nome dopo che un grillino mi aveva mandato una segnalazione". Romano a Un giorno da pecora su Radio1 ha detto di non aver chiesto spiegazione all’editore Pessina per l’accaduto e ha precisato che per il ruolo di condirettore non prendeva lo stipendio. Il quotidiano vive un momento delicato con una riorganizzazione in vista e probabili tagli al personale. Un futuro difficile ma Romano, nonostante tutto, augura "lunga vita al giornale".