[Il retroscena] Uno schiaffo a Gori e un “forse” per Zingaretti, la vendetta contro Renzi spacca “Liberi e Uguali” e consegna la Lombardia al centrodestra

Guerra dei Roses a oltranza nel centrosinistra: Le prime spaccature dentro la lista di Piero Grasso. Sinistra italiana non molla e dice no all'appoggio del candidato del Pd. I dialoganti di Mdp devono accontentarsi di un accordo con Zingaretti nel Lazio. Una scelta destinata a pesare anche nelle prossime settimane. Gentiloni in campo apre l'assemblea degli amministratori Pd. "Credibilità" e "speranza" le parole chiave della campagna elettorale

Giorgio Gori, Nicola Zingaretti, Piero Grasso
Giorgio Gori, Nicola Zingaretti, Piero Grasso
Continua inesorabile il tafazzismo a sinistra. Prigionieri di una volontà di rivalsa sul segretario del Pd Matteo Renzi, focalizzati sull'unico obiettivo di indebolirlo per poi riprendersi il partito, seppur consapevoli che sui temi e sulle ricette è molto più quello che unisce di quello che divide, Liberi e Uguali dice no al candidato del Pd alla Regione Lombardia Giorgio Gori. A nulla sono valsi appelli e trattative. L'assemblea lombarda di LeU si è chiusa ieri sera dopo le venti a Cinisello  Balsamo con una fumata nera: la sinistra candida alla guida della Regione l'esponente di Mdp Onorio Rosati, il sindacalista designato da mesi e che nulla al mondo avrebbe fatto retrocedere dal progetto di contare la nuova forza politica in Lombardia. Qualunque prezzo dovrà avere questo test. Un prezzo che rischia di essere altissimo la sera del 4 marzo. 
 

Il nuovo che avanza, forse

Smontate una dopo l'altra in cinque giorni le speranze dem di un aiuto al candidato renziano in Lombardia, nel tentativo  - difficile per la verità - di rimontare il centrodestra, la situazione resta ancora aperta nel Lazio dove l'assemblea locale di LeU riunita nella sede della Cgil a Roma ha dato mandato a Pietro Grasso di trattare con il presidente uscente Nicola Zingaretti sulla base di alcuni "paletti" programmatici ben precisi. 
 

La frattura dentro LeU

Tutta colpa dell'election day e quindi della capacità di traino delle politiche sulle regionali.  E tutta colpa, anche, di uno schema ormai non più modificabile a sinistra per cui LeU non può certo cedere, cinquanta giorni prima del voto, e tornare a fare un'alleanza là dove la sua storia è iniziata. La partita per le regionali si conclude con la prima vistosa frattura dentro LeU - Sinistra italiana irremovibile sul no a Gori in Lombardia, Mdp irremovibile sul si a Zingaretti in Lazio -  e la dimostrazione plastica di quanto le poltrone possano più delle idee. Se andrà in porto l'alleanza di cui Grasso si è fatto portavoce con Zingaretti, molto lo si dovrà al fatto che già adesso Mdp e Pd governano insieme. E sarebbe incomprensibile per chiunque buttare via una possibile vittoria per questioni più personali che politiche. 
Finisce dunque come era previsto: Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana, conferma il no all'accordo con Gori mentre Grasso, per conto di Mdp di Bersani e dello stesso governatore della Toscana Enrico Rossi, conferma l'anima più dialogante di LeU. 
 

La delusione di Gori 

Il "no" in Lombardia era nell'aria. Gori ne ha preso atto chiarendo che dovranno essere gli esponenti di LeU a spiegare perché hanno deciso di andare divisi, rinunciando alla speranza di battere la destra, dopo il ritiro di Roberto Maroni. "Faranno fatica a spiegarlo ai loro elettori - diceva ieri il sindaco di Bergamo - che in larga misura fanno il tifo perché invece ci sia un lavoro comune". Gori  sa che il popolo di centrosinistra vorrebbe tornare unito,  "fa il tifo per vincere in questa regione e tra un distinguo sulla parola dello slogan elettorale e avere altri 5 anni di governo della Lega, sicuramente preferiscono lavorare insieme". Gori è al lavoro per andare a prendere anche il loro voto. All'assemblea una standing ovation ha accolto la candidatura di Onofrio Rosati. 
"Siamo dalla parte giusta" ha rivendicato davanti ai delegati lombardi il capogruppo Mdp Francesco Laforgia. "Non ci faremo dire che usciamo dal centrosinistra perché il centrosinistra non esiste senza la sinistra". 
 

Grasso garante in Lazio

A Roma, in un'assemblea meno drammatica ma forse più imbarazzata, gli esponenti laziali di LeU hanno dato mandato a Grasso di verificare con Zingaretti le condizioni di una alleanza elettorale, sulla base di alcune questioni programmatiche e politiche. "Incontrerò Zingaretti. Poniamo un problema politico su punti ben precisi: chi accetta quei punti noi lo appoggiamo" dice il leader di LeU. In realtà si tratta di confermare la linea di governo tenuta in questi anni e che gode già di largo consenso. Una conferma che oggi va comunque drammatizzata per giustificare la nascita di LeU. 
Tra le linee di divisione, non va sottovalutata quella di Laura Boldrini. La presidente della Camera non perde occasione per mostrare una sua autonomia rispetto agli altri. Ieri ha frenato su una possibile intesa con i Cinque stelle che invece è spesso evocata da Bersani e a cui certamente non è estraneo Grasso. 
 

Alta tensione 

Il "niet" a Gori alza la tensione a sinistra. E anche il premier Paolo Gentiloni, senza andare allo scontro, apre la sua campagna elettorale rivendicando un primato al Pd: "Noi siamo la sinistra di governo, non ce n'e' altri". 
Sui rapporti a sinistra e sulle speranze di ritrovarsi dopo il 4 marzo, ieri, prima del verdetto, era stato lapidario Matteo Renzi: "Che andiamo divisi alle politiche è già una risposta". Fin da ieri mattina il segretario non è stato affatto ottimista su un'intesa con gli ex compagni di partito: "Se c'e' l'alleanza è un fatto positivo. Ma non sono in grado di influenzare un partito che notoriamente non mi ama. È il partito di Massimo D'Alema - ha aggiunto  - e nessuno si stupirebbe se si scoprisse che è vero che D'Alema ha detto di volermi far fuori...". 
 

Gentiloni in campo 

Il Presidente del consiglio, dopo il successo di immagine grazie alla due giorni di Emmanuel Macron a Roma, ha scelto di iniziare la sua campagna elettorale a Torino dove da ieri sono riuniti per due giorni gli amministratori locali del Pd. I toni sono stati istituzionali ma il premier ha affondato la mano contro l'amministrazione capitolina. Poi ha suonato la carica di una sinistra che, al governo, può vantare risultati "straordinari" sull'immigrazione e nell'aver "portato il Paese fuori dalla crisi".  Auspicando una coalizione che includa anche la Bonino, il premier ha rivendicato al Pd i tratti di una sinistra "di governo", diversa dalla sinistra che del governo "ha paura" e tende a "rifugiarsi nel cantuccio" di idee del passato. Un esempio? Accusare il Jobs act come responsabile dei problemi del lavoro, quando il problema invece è "epocale, europeo e mondiale". Il premier ha invitato il Pd a fare una campagna elettorale giocata sulla "credibilità", sulla capacità di dare "speranza" e anche "sull'ambizione" di proporre ancora una proposta di "cambiamento" per il futuro. A partire dai risultati raggiunti. Senza inseguire le proposte degli altri su temi come l'immigrazione ("No a chi vende fumo") o l'Europa: "Siamo convintamente europeisti, le elezioni si vincono su questo discrimine". Un altro nemico contro cui il Pd lotta è anche l'idea che nessuno possa vincere e si vada verso le larghe intese (magari con Gentiloni premier).  "In gioco c'è il futuro. La vittoria conta" se il Pd vuole avere voce in capitolo e se il Pd non vince "non ci sono sconti". 
 

Centrodestra ancora senza candidato 

Il centrodestra è ancora senza un nome unitario. Gasparri non convince del tutto (a cominciare dall'interessato) e il nome del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi resta forte anche se sempre più "solo". Gasparri ieri mattina ha auspicato "una sintesi, scelgano il candidato che unisce lo schieramento". Onorato se "la mia diventasse una candidatura unica e me lo chiedessero".  Sergio Pirozzi, in campo da mesi con la sua candidatura, non molla. "Io non mi ritiro, non credete alle fake news - ha detto chiaro e tondo il sindaco di Amatrice in un video in cui ironicamente finge di smantellare il suo comitato elettorale - Questo comitato smetterà di esistere il 4 marzo quando ci trasferiremo in Regione". Il primo sponsor di Pirozzi è Francesco Storace:  "Nel Lazio il centrodestra perderà perché i partiti hanno il problema della bandierina". Storace può stare tranquillo: hanno lo stesso problema anche nel centrosinistra.