Macché par condicio. Orietta Berti pazza di Di Maio: "E' troppo bello, voterò M5S". E il Pd si infuria

Boccadutri, membro della Vigilanza Rai, denuncia la violazione della legge: "E' famosa e dichiara il voto. Ora che facciamo? Sentiamo altri elettori famosi?

Luigi Di Maio e Orietta Berti
Luigi Di Maio e Orietta Berti
TiscaliNews

Chi se ne importa della par condicio? Se è amore è amore, e Orietta Berti, l'Orietta nazionale, con la consueta schiettezza ha manifestato le sue intenzioni di voto a tutta radio. Con un'autentica dichiarazione d'amore per Grillo, Di Maio e i Cinque Stelle. Intervistata su Radio Rai (quindi servizio pubblico) durante il programma Un giorno da pecora la cantante non si è fatta scrupoli e ha lanciato il cuore al M5S: "Voterò per il mio amico Grillo". Andando oltre quando si è arrivati a parlare di Luigi Di Maio candidato premier, fatto che ha provocato l'ira del Pd e la protesta formale dei dem.

"E' troppo bello"

Del capo politico dei Cinque Stelle, la Berti ha detto: "Un difetto di Di Maio? Penso che sia troppo bello. Quando una persona è troppo bella poi non è tanto credibile quando parla. Io l'ho visto di persona, ha dei bellissimi lineamenti e delle belle mani, poi l'abbronzatura non ne parliamo". Insomma, un endorsement completo. Che non è piaciuto per niente al Partito democratico, già alle prese con inchieste, divisioni interne, campagna acquisti in vista delle Politiche e sondaggi ballerini proprio mentre il M5S è in crescita costante. Contro l'appassionato sostegno ai grillini di Orietta Berti si è scagliato Sergio Boccadutri, deputato dei democratici e membro della Commissione di vigilanza Rai. 

"Violata la legge"

Nell'esposto di Boccadutri all'Agcom si legge: "Un'artista come Orietta Berti ha espresso tranquillamente la sua intenzione di voto a favore del Movimento 5 stelle. È legale? Ora, la trasmissione dovrà invitare un elettore per ogni altra lista in campo per il voto del 4 marzo? O forse, sarebbe stata necessaria una maggiore attenzione da parte di chi conduce il programma? È opportuno che l'Agcom valuti se non siamo di fronte ad una chiara violazione della legge, come sembrerebbe, se non sia il caso di comminare delle sanzioni e in che modo possano essere sanata la questione nei confronti delle altre forze politiche. Sarebbe opportuno anche valutare se Orietta Berti, dopo il suo coming out, possa continuare a ricoprire il ruolo di ospite fisso nella seconda parte della trasmissione di Fabio Fazio".