[Il retroscena] A Sinistra sono scomparse le donne. O forse sono solo nascoste

Sul palco per il lancio del nuovo soggetto politico “Liberi e Uguali” solo maschi. Ma Livia Turco rilancia: “le donne sono tante soprattutto a sinistra. E possono fare la differenza nel voto”

La presidente della Camera, Laura Boldrini
La presidente della Camera, Laura Boldrini

La polemica è nata dopo la foto finale del lancio di Liberi ed Uguali che immortalava quattro maschi (Speranza, Grasso, Civati, Fratoianni) ma nessuna donna. Adesso é arrivata Laura Boldrini che va a coprire le cosiddette "quote rosa" di Mdp. Alessandro Gilioli sottolinea, argutamente, nella sua rubrica "Piovono rane" sull'Espresso che anche nel fatidico 1994 - anno molto evocato in questi tempi dalla politica di centro destra perchē data cruciale della prima discesa in campo di Silvio Berlusconi- la foto della gioiosa macchina da guerra di occhiettiana memoria era monogenere con otto maschi Progressisti sul palco senza che nessuno muovesse appunti di genere. Ma il tema della partecipazione reale delle donne alla vigilia di una complessa campagna elettorale tiene banco, eccome tanto da scatenare il think tank (letteralmente: serbatoio di pensiero in inglese) in Rete.

"Non è vero che sono gli uomini ad escluderci"

 

"Periodicamente ci si lamenta dell'assenza delle donne in politica o della loro emarginazione" scrive in un post su facebook la giornalista Ritanna Armeni giungendo velocemente ad una originale conclusione:  non è vero che sono gli uomini ad escluderci, forse siamo noi a preferire l'estraneità. Le donne non sono presenti nel partito o nel dibattito pubblico, sentenzia la donna che fu un tempo portavoce di Fauso Bertinotti, perchē scelgono istintivamente, programmaticamente di fare altro. Non hanno tempo per cose inutili mentre la politica, per Armeni, é oggi, tutto sommato abbastanza inutile. Tesi suggestiva, condivisa in parte sui social da svariate donne fra cui Barbara Palombelli o Tiziana Maiolo. Realistica? Non si direbbe a giudicare dall'attivismo di tantissime anonime militanti registrato, andando in giro per iniziative fra la gente, dall'ex ministro Livia Turco, una che di politica se ne intende davvero essendo diventata parlamentare la prima volta nel 1987 anno in cui l'allora numero uno del Pci Alessandro Natta la volle per rinnovare dal punto di vista generazionale la segreteria del partito.

Più donne attive ma fuori dal sistema dei partiti

"Ci si chiede dove sono finite le donne, ma la domanda é mal posta, perché non esiste passività femminile nel rapporto con la politica, anzi, la partecipazione cresce anche se lo fa parallelamente al distacco con i partiti o le istituzioni" spiega la Turco presidente della Fondazione Nilde Jotti a Tiscali.it "Fuori dal sistema partitico, la cittadinanza civica femminile è forte, vivace ma sconta un limite fisiologico: la frammentazione. Giro l'Italia in lungo ed in largo, ascolto le donne, gli uomini, credo che se tutta la vitalità politica che riscontro si mettesse in rete diventando sistemica, sarebbe una forza reale con cui fare i conti". "Le donne potranno fare la differenza nel voto perché negli anni è cresciuto l'astensionismo femminile dunque chi vuole recuperare consensi deve parlare alle donne" prosegue l'ex ministro "Ritengo comunque che sia un bene ascoltare le donne perché sono portatrici di una idea di cambiamento della politica che una forza di sinistra deve raccogliere. Quale? L'idea di un "rammendo"  fra politica e vita delle persone che serve per riconnettere il paese reale alle istituzioni o ai partiti".