Delrio attacca Renzi nel fuorionda: "Della scissione non gliene frega niente non ha fatto neanche una telefonata". E l'ex premier chiama Emiliano

Scissione nel Pd alle porte e il ministro dei Trasporti si lascia andare a un commento sull'atteggiamento del segretario. Poi corregge il tiro

Redazione Tiscali

Dice molto della tensione da tagliare a fette che si respira all'interno del Partito Democratico. Un fuorionda che dà la misura di quanto sia delicata la situazione nel partito di maggioranza relativa a un passo dalla scissione. "Non ha fatto neanche una telefonata, su... come cazzo fai in una situazione del genere a non fare una telefonata?", dice il ministro del Trasporti Graziano Delrio parlando con il presidente della Commissione Trasporti della Camera Michele Meta dell'atteggiamento di Renzi rispetto all'ipotesi di scissione all'interno del partito. Parole che vengono carpite a sua insaputa e subito rilanciate dalle maggiori testate e dal web. Delrio è infatti uno dei fedelissimi di Renzi e le sue parole appaiono come una vera e propria critica all'atteggiamento del suo segretario. Lo scenario è noto: la minoranza, trainata da D'Alema e Bersani, sta per abbandonare "la ditta" quando ormai l'accordo su congresso, primarie ed elezioni anticipate con Renzi e la sua maggioranza è a distanza siderale. 

Poi Delrio corregge il tiro

Entrando più tardi a Palazzo Chigi, Delrio corregge il tiro e commenta l'appello di Renzi ad evitare la scissione, lanciato oggi dal segretario Pd dalle pagine del Corriere della Sera: "Renzi ha fatto un appello, è più di una telefonata - ha detto il ministro -: ha tolto ogni alibi a coloro che pensano che la scissione si possa fare su una settimana in più o in meno per il congresso. Se qualcuno ha deciso nessuno lo farà desistere, ma tutti sono indispensabili nel partito e adesso non ci sono più alibi. E' il momento della responsabilità da parte di altri, la maggioranza ha fatto tutto il possibile". 

Renzi chiama Emiliano

Dopo tutte le polemiche sui silenzi di Renzi sulla scissione del Pd, l’ex premier rompe gli indugi e telefona a Michele Emiliano, governatore della Puglia ed esponente di spicco della minoranza Dem. “Matteo mi ha chiamato e abbiamo parlato. Spero che il nostro confronto sia utile alle sue prossime decisioni”, scrive sul profilo Facebook Emiliano.