Cosa ci faceva Davide Casaleggio con quelle due donne dei poteri forti?

Mentre il suo partito lavora alla difficile formazione di un governo, il figlio del fondatore del Movimento, a Milano, partecipa alla presentazione dei risultati dei primi mesi di attività dell’Hub for makers and students dell’Università di Confindustria, Luiss, e incontra Paola Severino ed Emma Marcegaglia

Emma Marcegaglia, Paola Severino e davide Casaleggio
Emma Marcegaglia, Paola Severino e davide Casaleggio
TiscaliNews

Sono momenti concitati, nervosi, carichi di attese. Riusciranno Luigi Di Maio e Matteo Salvini a completare la tela per varare il governo, o simili a una Penelope che tesse di giorno e disfa di notte, continueranno a prendere tempo? Difficile dire se completeranno il programma condiviso e con quali concessioni reciproche. Poco ancora si sa, nonostante le tante congetture dei media. E soprattutto nulla si sa sul premier individuato di comune intendimento. Idem sui ministri. Intanto uno dei punti di riferimento del Movimento pentastellato non partecipa attivamente alla costruzione dell’esecutivo ma sembra frequentare delle esponenti dei poteri forti.

Il curioso incontro

Cosa ci faceva il figlio del fondatore del M5S Gianroberto Casaleggio, Davide Casaleggio, insieme a Paola Severino ed Emma Marcegaglia a Milano, durante la presentazione dei risultati dei primi mesi di attività dell’Hub for makers and students dell’Università di Confindustria, Luiss? Va bene che il presidente dell’Associazione Russeau può rispondere che la prima è il rettore dell’Università, l’altra il presidente. Ma non bisogna dimenticare che le due donne – come osserva il Fatto Quotidiano che riporta la notizia - rappresentano anche altre realtà significative: Marcegaglia è infatti una importante imprenditrice ed ex numero uno di Confindustria, ma anche presidente dell’Eni. La Severino invece, oltre ad essere l’ex ministra della Giustizia, è uno dei penalisti più importanti del nostro Paese, difensore della stessa Eni e di altre rilevanti imprese pubbliche.

Le strade della politica sono molteplici

Interrogato dal Fatto Casaleggio jr. risponde di non voler parlare di politica, nell’occasione. Si limita a giustificare la sua presenza al convegno. “Questo è uno spazio per le persone che vogliono innovare e dovrebbero essercene di più – spiega – Oggi siamo qui a parlare di innovazione, dei pochi spazi di innovazione che ci sono a Milano”.

Ma le strade dell’attività politica passano per molti luoghi, si potrebbe far notare. E un incontro con due personaggi dello spessore e dell’importanza di Marcegaglia e Severino non poteva passare inosservato.