Consorzio Doc Sicilia e Prosecco Doc: alleanza anticontraffazioni

Codice da incorporare:
di Apcom

Verona (askanews) - Un'alleanza sull'asse Sicilia-Veneto per combattere la contraffazione dei vini e l'erosione sul mercato delle etichette di pregio delle due regioni. Al Vinitaly 2017, il Consorzio di Tutela vini Doc Sicilia e il Consorzio Prosecco Doc hanno infatti siglato una convenzione per potenziare i controlli di qualità in Italia e all'estero, e per contrastare con maggiore forza le contraffazioni ai danni dei vini a marchio Sicilia Doc e Prosecco Doc. L'accordo è stato firmato dai vertici dei due Consorzi nell'ambito di una iniziativa del Mipaaf."La tutela è una funzione fondamentale dei Consorzi - ha detto Antonio Rallo, presidente del Consorzio di Tutela vini Doc Sicilia - Mettersi insieme con altri Consorzi crea la possibilità di fare maggiori controlli che si traducono in tutela per il consumatore, tutela per il produttore e per tutta la filiera".Grazie a questa sinergia gli agenti vigilatori dei due Consorzi aumenteranno il numero di controlli che saranno estesi, di fatto, a tutte le regioni italiane, all'estero e sui siti di e-commerce. Un'attività sempre più importante per la difesa di imprese e consumatori come spiega Stefano Zanette presidente del Consorzio Prosecco doc. "Dove non ci sono i controlli - dice - sicuramente qualcosa viene perso dal punto di vista della tutela del cittadino e del consumatore. Quindi li c'è il male".A suggellare l'intesa il capo Dipartimento del ministero delle Politiche Agricole, Luca Bianchi che ha sottolineato l'importanza di un'alleanza Nord-Sud nel nome della qualità. "Fare sinergia insieme vuol dire da una parte ridurre i costi ma dall'altra parte anche aumentare la professionalità delle persone impiegate - ha detto Bianchi - Il tema della tutela è fondamentale che serve ai nostri vini per andare sempre di più nel mondo e farsi conoscere dai consumatori. Il Prosecco è oggettivamente una bellissima esperienza italiana di promozione all'estero; i vini siciliani sono tra i più dinamici sui mercati internazionali: questo accordo mette insieme due grandi professionalità, due grandi paesaggi, due bellissime storie italiane che unendosi possono essere più forti nel mondo" .