La pornostar che mette in imbarazzo Trump: "La pagò perché non parlasse"

L'incontro fra Stormy Daniels e l'attuale presidente degli Stati Uniti nel 2006. Poi l'offerta di denaro per non dire nulla. Ma ora la storia trapela

Donald Trump con Stormy Weathers
Donald Trump con Stormy Weathers
Redazione Tiscali

Si chiama Stephanie Clifford ma è assai più conosciuta come Stormy Daniels, stella del porno americano il cui nome torna alla ribalta mettendo in imbarazzo il presidente americano Donald Trump. Secondo il Wall Street Journal (che non fa parte dello schieramento giornalistico avverso al leader Usa), Trump avrebbe incaricato un suo incaricato di pagare 130 mila dollari alla Daniels per garantirsi il silenzio di lei circa il loro incontro durante un torneo di golf al Lake Tahoe. Trump era già una celebrità della tv e un multimilionario che cominciava ad esporsi sul fronte politico. I fatti risalgono al 2006, quando lui e Melania erano sposati da appena un altro.

Un silenzio fragile

Sia il legale di Trump sia la Casa Bianca si sono affrettati a smentire quanto pubblicato dal Wall Street Journal: "Queste sono storie vecchie e riciclate che sono già state pubblicate e con forza smentite prima delle elezioni, il presidente Trump smentisce di nuovo con veemenza questo o qualsiasi altro incontro a sfondo sessuale". Secondo l'entourage legale di Trump, la storia dell'incontro messo sotto silenzio fra Trump e Stormy Daniels era già stata pubblicata e smentita da tutte le parti nel 2011. Ma è un fatto che la pornostar, oggi 38enne, accettò e ottenne il pagamento di quei 130 mila dollari, e minacciò di rompere il silenzio perché all'epoca i soldi arrivavano a rate e con lentezza. Nell'autunno del 2016 la stessa Daniels si era proposta alla rete tv americana Abc per parlare del suoi rapporti con il presidente Usa.