Londra, in furgone contro i fedeli della moschea, May: contro ogni terrorismo

Londra, in furgone contro i fedeli della moschea, May: contro ogni terrorismo
di Askanews

Roma, 19 giu. (askanews) - E' ancora terrore a Londra, ma per l'attacco a due passi dalla moschea di Finsbury Park la pista privilegiata è quella dell'odio anti-islamico, uno sviluppo che, in pieno Radaman, innalza ulteriormente la tensione in Gran Bretagna, a Londra in particolare. Dove oggi la premier Theresa May, nuovamente contestata, anche se non in modo corale come nei giorni scorsi, ha promesso di combattere il terrorismo in tutte le sue forme.L'attacco è stato lanciato nella notte, con la folla di fedeli musulmani che stavano uscendo dalla moschea nel mirino. Un uomo - verrà poi identificato come Darren Osborne, 47 anni, di Cardiff, padre di quattro figli - al volante di un furgoncino si è lanciato contro i passanti: un uomo è morto (forse per un malore) e una decina di persone sono rimaste ferite, di queste tre in modo grave.Secondo testimoni oculari, l'uomo ha gridato "Voglio uccidere tutti i musulmani" prima di essere bloccato a terra da alcuni coraggiosi presenti. E' stato un imam a impedire che fosse linciato dalla folla. "Cercavano di prenderlo a calci e pugni", ha confermato Mohammed Mahmoud. Nelle foto scattate quando l'ha polizia l'ha portato via, si vede un grosso livido attorno a un occhio e segni di percosse su altre parti del viso. Secondo alcuni testimoni, ha fatto un gesto, come per lanciare un bacio alla folla.Theresa May ha promesso che "odio e male" come quelli visti nell'attacco contro una moschea nel nord di Londra non avranno mai successo. Il premier ha sottolineato che l'attacco contro i musulmani è "altrettanto insidioso en distruttivo dei nostri valori e del nostro modo di vivere" della recente serie di attacchi terroristici legati al fondamentalismo islamico. In seguito l'inquilina di Downing Street ha assistito a un incontro interreligioso alla moschea di Finsbury Park ed è stata contesta all'uscita.Il leader del Labour e parlamentare locale, Jeremy Corbyn, ha trascorso la maggior parte della mattinata alla Muslim Welfare House, dove l'attacco è avvenuto. La polizia ha detto che è troppo presto per stabilire se l'uomo morto sul posto sia deceduto per l'attacco. Aveva avuto un malore e stava ricevendo le prime cure quando il furgoncino si è lanciato contro la folla e aveva appena ripreso conoscenza quando è stato colpito, ha dichiarato l'imam Mahmoud. Tutte le vittime dell'attacco provengono dalla comunità musulmana.Corbyn è stato accolto calorosamente, applaudito al suo ingresso nella moschea, mentre nei confronti di Theresa May sono partite ironiche frecciate "Signora May, come mai ha fatto così in fretta? Le hanno dato un taxi personale, più veloce?", ha gridato un uomo, con chiara l'allusione alla prima reazione al devastante incendio alla Grenfell Tower, che ha visto May indugiare prima di incontrare le vittime e i residenti del quartiere colpito. Contestazioni anche da un piccolo gruppo di astanti, con qualcuno che ha urlato "May vieni qua a parlarci", mentre altri scandivano "May deve dimettersi".Assieme alla premier c'era anche la responsabile della Metropolitan Police, Cressida Dick, che ha promesso protezione extra per le comunità musulmane nei prossimi giorni. L'autore dell'attacco non era già noto alle autorità, secondo il ministro della Sicurezza, Ben Wallace. Deve rispondere di "commissione, preparazione o istigazione di terrorismo, compreso omicidio e tentato omicidio". Oggi è stato sottoposto a perizie psichiatriche, di cui non sono stati resi noti per ora i risultati.