Pitruzzella: Antitrust strumento per contrastare diseguaglianze

Pitruzzella: Antitrust strumento per contrastare diseguaglianze
di Askanews

Roma, 12 lug. (askanews) - L'antitrust è strumento per contrastare le diseguaglianze, tanto più in un paese come l'Italia caratterizzato ancora da settori economici protetti che favoriscono rendite di posizione e legami perversi tra pubblico e privato. Lo ha sottolineato il presidente dell'autorità sulla concorrenza, Giovanni Pitruzzella, nella sua ultima relazione annuale per fine mandato, offrendo una lettura dell'attività dell'autorità negli ultimi sette anni. Un periodo coinciso con la grande trasformazione che ha ampliato gli obiettivi dell'autorità di tutela del mercato e della concorrenza."Alla tradizionale attenzione al benessere del consumatore e al mantenimento della struttura concorrenziale dei mercati si sono aggiunti nuovi obiettivi - ha detto Pitruzzella - lo stimolo all'innovazione, la spinta alla modernizzazione delle strutture dell'econopmia italiana per renderla più competitiva, i risparmi per i bilanci pubblici, il contrasto alle diseguaglianze attraverso la lotta alle rendite di posizione".Pitruzzella si sofferma in particolare sul tema diseguaglianza. "Ormai è generalmente riconosciuto che l'aumento delle diseguaglianze in Occidente indebolisca la democrazia e, in alcuni paesi, costituisca un ostacolo alla stessa crescita economica". Anche se le politiche di contrasto alle diseguaglianze attori diversi dalle autorità della concorrenza, un "efficace enforcement antitrust ha un ruolo da giuocare".Questa equazione è tanto più vera per l'economia italia che soffre strutturalmente di bassa crescita. Anche per questo l'attività di "advocacy" è una parte importante dell'attività dell'autorità. In Italia "ancora convivono, da una parte, una struttura economica competitiva con imprese leader a livello mondiale e, dall'altra parte, una struttura economica ancora arretrata, che ha livelli di produttività assai bassi".