Vaccini, Fedeli: lavoro importante, decreto serio ed equilibrato

Vaccini, Fedeli: lavoro importante, decreto serio ed equilibrato
di Askanews

Roma, 19 mag. (askanews) - "Abbiamo fatto un importante lavoro, non da oggi e non da questo incarico sono stata sempre d'accordo con l'obbligatorietà dei vaccini": le disposizioni contenute nel decreto vaccini varato oggi dal Consiglio dei Ministri "mi pare un punto di serietà e equilibrio, sia sul significato e sul valore della salute, sia sull'importanza dell'obbligo scolastico". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, commentando il decreto vaccini a margine di una conferenza stampa alla Rai."La cosa che abbiamo raggiunto come punto serio - ha sottolineato - è stata condividere l'obbligatorietà da 4 a 12 vaccini, motivato dal fatto che era necessario coprire più casistiche a fronte del fatto che negli ultimi anni erano diminuiti, un punto importante condiviso da subito. Quello che è stato molto importante è stato anche l'approccio che abbiamo reciprocamente condiviso, cioè ragionare sul fatto che le responsabilità delle vaccinazioni sono in capo agli adulti. Quindi, come hanno detto molto bene Gentiloni e Lorenzin, l'attuazione di queste decisioni è fatta in modo tale che progressivamente e celermente rieduchiamo e sosteniamo questo percorso verso le famiglie e gli adulti. Quindi 0-6 anche per uniformare quello che avveniva in alcune Regioni in modo differenziato: era importante fare un punto nazionale e oltre a modificare e implementare le sanzioni amministrative, responsabilizziamo i genitori non solo con le sanzioni, ma anche con il fatto che se non sei vaccinato non vieni preso al nido e alla materna. Su questo faremo un lavoro straordinariamente importante con i pediatri e con azioni di coinvolgimento delle famiglie: serve responsabilizzare sempre più gli adulti sulla fascia dell'obbligo, da 6 a 16 anni, i presidi chiederanno all'atto dell'iscrizione l'autocertificazione"."Mi pare un punto di serietà e equilibrio, sia sul significato e sul valore della salute, sia sull'importanza dell'obbligo scolastico: più istruisci, più coinvogi i genitori più i temi dei diritti in sè dei bambini vengono salvaguardati. Sono anche contenta che Lorenzin ha detto che i dati di abbassamento delle coperture delle vaccinazioni erano alla sua attenzione da molti anni. Io sono ministro da pochi mesi: bisogna sempre discutere, affrontare, guardare il merito, non si fanno schieramenti ma ragionamenti utili ai bambini, ai genitori e al Paese", ha concluso Fedeli.