[L’analisi] Smettetela con la retorica che “migrante è bello” e trovate la soluzione ad un problema epocale

C’è una buona parte di nostri connazionali che vive con diffidenza e con apprensione l’ondata migratoria in atto. L’unica differenza è che a destra lo si dice apertamente e che, con il linguaggio tipico della destra, se ne fa uno strumento di bieca lotta politica, mentre a sinistra si professano idee all’insegna della massima accoglienza e di un’ovvia tolleranza, salvo poi scivolare malamente quando le vere questioni dell’integrazione dal piano teorico precipitano sul piano pratico

[L’analisi] Smettetela con la retorica che “migrante è bello” e trovate la soluzione ad un problema epocale

L’Italia che si sente assediata dai migranti non è un’invenzione della destra e credo che sarebbe meglio smetterla il prima possibile con la retorica del “migrante è bello”. La verità è che oggi l’Italia è un paese infastidito, inacidito e impaurito dalla crescente presenza degli stranieri. Povera gente in fuga da un mondo poverissimo, vero, ma a molti italiani questo non interessa granché. C’è una buona parte di nostri connazionali che vive con diffidenza e con apprensione l’ondata migratoria in atto. L’unica differenza è che a destra lo si dice apertamente e che, con il linguaggio tipico della destra, se ne fa uno strumento di bieca lotta politica, mentre a sinistra si professano idee all’insegna della massima accoglienza e di un’ovvia tolleranza, salvo poi scivolare malamente quando le vere questioni dell’integrazione dal piano teorico precipitano sul piano pratico. Quello della quotidianità e della gente comune, per esempio.

Immigrato: risorsa o pericolo?

Basta andare in giro per l’Italia, o anche essere banalmente costretti a leggere le cronache locali dei mille comuni italiani, per rendersi conto che già oggi l’impatto con il fenomeno migratorio per moltissime comunità è un evento complesso e in molti casi traumatico. Questo succede perché cultura e informazione in questi anni hanno cavalcato, alternativamente, il pregiudizio e la retorica: da un lato l’immigrato come pericolo, dall’altro come risorsa. Idee assolute e assolutamente dannose. In entrambi i casi la teoria ha avuto il sopravvento sulla logica e sull’osservazione pratica. In entrambi i casi è mancata la consapevolezza di un fenomeno la cui portata va ben al di là degli ipotetici muri, dei divieti e delle sparate pre-elettorali dei Salvini, delle Meloni e dei tanti penosi guitti della politica italiana. Ci vuole davvero una grande incultura e una mostruosa coglionaggine per dare retta a certe sciocchezze rivendute come “progetto politico sull’immigrazione”.

Questione immigrazione investirà le elezioni politiche

Certo è che mai come stavolta la questione immigrazione investirà le elezioni politiche incidendo sul voto degli italiani. E mai come stavolta, certi partiti diranno e prometteranno cose che servono solo a prendere per i fondelli gli elettori, convinti che davvero Salvini o la Meloni da una parte, Grasso e la Boldrini dall’altra, abbiano le soluzioni giuste per fronteggiare un evento epocale che non solo non siamo in grado di arginare, ma neanche (e qui sta la colpa più grave) di comprendere nella sua vera portata.

L'Italia viene percepita come un paese ricco

Oggi un abitante dell’Africa sub-sahariana, con il suo smartphone, è in grado di vedere (e di mostrare ad altri) esattamente quello che vediamo noi. Così non era fino a pochi anni fa. Ma adesso è così. E questo ha cambiato il mondo. Magari quello smartphone non sarà un ultimo modello come il nostro, ma fa comunque egregiamente il suo unico mestiere: si collega a Internet. E collegandosi, mostra il nostro mondo come noi stessi ce lo raccontiamo ogni giorno. Con i beni, le possibilità, e i lussi, gli sprechi e tutto il resto della nostra cosiddetta Civiltà. Qualcuno ora dovrebbe spiegare perché, milioni di persone che muoiono letteralmente di fame (oltreché di molto altro), non dovrebbero tentare di venire a prenderselo quel mondo che hanno visto o che qualcuno gli ha fatto vedere. Qualcuno dovrebbe spiegare perché un nord del mondo grasso e ricco, che oltretutto non fa figli, non dovrebbe essere il miraggio di un sud del mondo che ancora oggi continua a essere il magazzino sempre aperto di materie prime, di risorse naturali e di tutto quello che possiamo depredare.

La trasformazione è inevitabile

L’Italia – come il resto d’Europa e del mondo occidentale – sono destinati a una trasformazione naturale e obbligata rispetto alla quale le parole di molti politici italiani sono di un’ottusità e di un’ipocrisia inqualificabili. Eppure il tema è assolutamente politico, non fosse altro per la semplice ragione che coesistere con questo fenomeno e tentare di governarne le inevitabili ricadute presuppone prima di tutto cultura, poi oculatezza, e poi ancora capacità di ricercare tutte le politiche di integrazione possibili. E’ chiaro che questo non riguarda tanto noi, quanto i nostri figli, i nipoti e sempre di più le generazioni successive. Oggi, se un immigrato commette un reato, i primi a esserne danneggiati sono gli altri della sua comunità ed è piuttosto facile comprenderne le ragioni. Quindi, scatenare la rabbia e la violenza xenofoba contro intere comunità, non è solo un atto grave in sé, ma significa porre le premesse per un futuro da perdenti. Drammaticamente perdenti. Così come lo è non imporre regole e, in nome di un’idea molto vaga d’integrazione, pensare che tutto va bene e che perciò, chi “soffre” l’immigrato, sia per forza di cose razzista o intollerante. Non raccontiamoci balle: in molte situazioni convivere con gli immigrati può essere impegnativo, faticoso e fastidioso. Ma – purtroppo o per fortuna – sarà sempre più inevitabile. Sta a noi e alla nostra lucidità non farlo diventare rischioso e, per il futuro, tragicamente pericoloso.