Denigrati e allontanati dai propri figli per mano delle ex mogli. In Italia ogni anno 200 papà si tolgono la vita e nessuno parla di loro

All’origine del dramma, spesso ignorato dai media, vi è il comportamento scorretto delle mamme

Denigrati e allontanati dai propri figli per mano delle ex mogli. In Italia ogni anno 200 papà si tolgono la vita e nessuno parla di loro
Redazione Tiscali

Si parla tanto di femminicidio, ma in Italia esiste anche il patricidio, un fenomeno altrettanto preoccupante che spesso non viene preso in considerazione dai media come neppure dalla politica. Tanti papà, a seguito della separazione da quella che fino a poco tempo prima era a tutti gli effetti la “regina della casa” - “l’angelo del focolare” -, si trovano catapultati in una vera e propria guerra dove, in nove casi su dieci, ad aver la peggio saranno proprio loro. In tanti si ritrovano sul lastrico, senza casa, senza soldi e - progressivamente - persino distrutti dall’ex moglie. Stando a quanto riferito dall’associazione “Nessuno tocchi papà”, molte donne (approfittando del fatto che i figli vengono affidati prevalentemente alla figura materna), iniziano un’opera di demolizione e di denigrazione della figura paterna, fino a determinare un rifiuto del bambino di vedere il genitore.

Il problema non tocca la sola Italia ma tutta l’Europa

Mancano norme capaci di tutelare i diritti di visita, di educazione e di un normale rapporto dei genitori separati con i figli minori. Va detto che un comportamento del genere, qualora venisse confutato come in diversi casi è accaduto, porterebbe le madri a perdere l’affidamento. “Quello dei suicidi dei padri separati è un dramma sottovalutato - spiega l’onorevole Tancredi Turco, deputato di Alternativa Libera -. Si parla di 200 suicidi ogni anno solo in Italia e 2000 in Europa, nella stragrande maggioranza dei casi nell’indifferenza generale. Secondo le statistiche sono 4.000 i suicidi in Italia ogni anno e tra questi, appunto, 200 quelli conseguenti ad una separazione e al conseguente allontanamento dai figli. I dati sono stati riportati in alcuni articoli di giornali che a loro volta si riportano in particolare agli studi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)”.

Distrutti dalle ex mogli, i papà hanno le mani legate

“Quello della bigenitorialità - aggiunge Turco - è un argomento di cui si discute poco. Alcuni deputati si sono presi in carico questi problemi e stanno cercando di portare soluzioni pratiche”, anche se la strada da fare è ancora lunga. Allo stato attuale “l’unico rimedio concreto per un papà è quello di una denuncia per inottemperanza di ordine del giudice (art. 388 c.p.), ma nella realtà queste denunce quasi mai portano ad una soluzione concreta”. Qualcuno la chiama Pas, sindrome di alienazione parentale, ma sull’esistenza di una patologia clinicamente accertabile si discute ancora molto. I tribunali però si sono già accorti del grave fenomeno rispondendo con l’allontanamento dei minori dalla madre tiranna.