Luttazzi assolto dalla accusa di evasione, risponde al Giornale: "Su B. avevo ragione io"

Il comico, epurato dalla Rai nel 2001 a seguito del noto "editto bulgaro", non ha evaso le tasse. "Ma in tv non posso tornare: perché Sallusti non lo scrive?"

Luttazzi assolto dalla accusa di evasione, risponde al Giornale: 'Su B. avevo ragione io'
Redazione Tiscali

Continua il botta e risposta tra il Giornale e Daniele Luttazzi, il comico destinatario del famoso "editto bulgaro" a seguito del quale venne epurato dalla Rai insieme a Santoro e Biagi. Oggi il quotidiano diretto da Sallusti titola sull'assoluzione - "Luttazzi assolto. Ma resta evasivo sui suoi errori" - il comico risponde dalle pagine del Fatto quotidiano. "Cari amici del 'Giornale' rassegnatevi e su B. avevo ragione io", scrive dopo essere uscito indenne dal processo a suo carico per evasione fiscale. "Spero che i giornali diano lo stesso, enorme risalto alla notizia che sono stato assolto con formula piena perché il fatto non sussiste", scrive il comico. 

Su questo punto Luttazzi assolve il Giornale, ammettendo che lo spazio dato è "lo stesso" dedicato anni fa all'indagine a suo carico. Ma "come condimento cianciano di mie 'capriole' ed 'errori', sempre descrivendo un Luttazzi 'imbozzolato nelle sue teorie mafiologiche anti-Cav. Sempre alla ricerca dell'odore dei soldi, sempre pronto  a snopcciolare la stessa tiritera sul cavaliere e la P2, il Cavaliere e il processo Mills, il Cavaliere e il Lodo Alfano, il Cavaliere e le ombre di Cosa Nostra, il Cavaliere che ha trovato i denari in un sacchetto di patatine, il cavaliere birbonico'". 

Luttazzi nota alcune dimenticanze nella ricostruzione del Giornale. E cioè che avendo raccontato alcuni di quei fatti in Tv era stato prontamente tagliato fuori. Un momento in cui "il peggio doveva ancora venire e Dell'Utri era ancora a piede libero e mi dava del cretino". Sallusti, scrive Luttazzi, che "berlusconi, Fininvest, Mediaset e Forza Italia mi querelarono chiedendomi 40 miliardi di euro; e dimenticano di scrivere che dopo 15 anni di processi, ho vinto tutte quelle cause". I "buchi" del resto possono succedere. E soprattutto, nota ancora il comico, dimenticano di scrivere che "quelle cose non posso più dirle in Rai dal 2001".

E se si insiste sui mancati tweet di Luttazzi per dare notizia sulle "assoluzioni e sui proscioglimenti di Berlusconi", dall'altra il comico precisa: "Mi sopravvalutano, le mie facoltà medianiche non sono così evolute da farmi prevedere leggi ad personam".