Genny la carogna arrestato per traffico di droga. Veniva importata dall'Olanda e venduta a Napoli

Il capo ultras del Napoli, famoso per la trattativa poco prima della finale di Coppa Italia del 2014, in manette con altri 15

Genny la carogna arrestato per traffico di droga. Veniva importata dall'Olanda e venduta a Napoli
L'ultrà del Napoli Genny la Carogna
Redazione Tiscali

A Napoli sono stati arrestati dai carabinieri del comando provinciale 16 trafficanti di droga a capo dei quali, secondo gli investigatori, c’era Genny la carogna, il capo ultras del calcio Napoli balzato agli onori della cronaca dopo la cosiddetta trattativa poco prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli del 3 maggio 2014. I militari dell’Arma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip partenopeo, nei confronti dei 16 indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di ingenti quantitativi di stupefacenti.

Il ruolo di Genny la Carogna

Nel corso delle indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia napoletana, i carabinieri hanno documentato collegamenti tra fornitori di droga olandesi e il gruppo criminale di Forcella capeggiato da Gaetano e Gennaro De Tommaso, conosciuto come Genny la carogna, noto per quanto accaduto allo stadio Olimpico poco dopo la sparatoria a Tor di Quinto costata la vita al giovane tifoso partenopeo Ciro Esposito.

Droga dall'Olanda all'Italia

Il gruppo – secondo quanto accertato – organizzava l’importazione e il trasporto in Italia, su autoarticolati, di ingenti quantitativi di marijuana e amnesia e gestiva i rapporti con i capi e gestori di numerose piazze di spaccio sul territorio napoletano e nazionale. Sono stati, inoltre, accertati “stabili contatti” tra acquirenti di marijuana dei De Tommaso ed esponenti dello spaccio al dettaglio del Rione Traiano, così come già emerso in passato. A gennaio, infatti, ci furono circa 100 arresti.