Spara e ferisce ladro: scarcerato. Il gip non ha convalidato ill fermo

Restano in carcere invece tre dei ladri accusati di furto aggravato, mentre il ferito è piantonato in ospedale

Spara e ferisce ladro: scarcerato.  Il gip non ha  convalidato ill fermo
Bruno Poeti
Redazione Tiscali

E' stato scarcerato Bruno Poeti, l'ex poliziotto 64enne che all'alba di lunedì ha sparato, colpendolo, uno dei quattro ladri di nazionalità romena che si erano introdotti nel suo terreno nelle campagne di Grosseto.

Il racconto di Poeti al magistrato - Poeti ha raccontato ai magistrati di essere stato svegliato dai rumori e dall'abbaiare dei cani. Si è affacciato dalla finestra e ha visto un tale con un bastone e un altro che gli ha lanciato contro un oggetto, sembra un faretto o una torcia. Poeti, anche per lo spavento, avrebbe sparato con la pistola calibro 7,65. Al gip ha detto di aver esploso tre colpi, solo uno verso terra (quello che ha colpito un malvivente) e altri due in aria. Opposta la versione dei romeni: avrebbero detto di non aver aggredito Poeti.

Restano in carcere invece tre dei ladri  - Lo ha deciso il gip Marco Belisari che non ha convalidato il fermo dell'uomo, compiuto la sera stessa di lunedì, con l'accusa di tentato omicidio, disponendone l'immediata scarcerazione. Restano in carcere invece tre dei ladri accusati di furto aggravato, mentre il ferito è piantonato in ospedale.

Sui social network è scattato il tam tam degli utenti. “Bravo Bruno Poeti, facciamolo sindaco”, si leggeva su Facebook. Nella pagina dell’agente in pensione e in altre dei gruppi dove si discute di Grosseto e di sicurezza in città, sono comunque numerosi i commenti di solidarietà a favore dell’uomo.

In via di accertamento anche le eventuali attività criminose del gruppetto di romeni: da tempo nelle campagne della provincia di Grosseto, da Massa Marittima fino alle zone sud della città, si registravano furti in annessi agricoli, proprietà rurali e luoghi isolati dagli abitati