Salva donna nel Tevere, permesso soggiorno-premio a immigrato

Codice da incorporare:
Redazione Tiscali

E' stato 'premiato' dalla polizia con un permesso di soggiorno per motivi umanitari il cittadino 32enne del Bangladesh, Sobuj Khalifa, che martedì pomeriggio si è tuffato nel Tevere per salvare una donna che aveva tentato il suicidio.

Lo straniero, sprovvisto di documenti regolari, ha ottenuto il permesso per il suo "encomiabile e meritorio comportamento". E' accaduto sotto Ponte Sublicio, quando una 55enne si è gettata nel Tevere. La scena è stata notata dal 32enne che non ha esitato a scendere fino alla banchina e tuffarsi per raggiungerla.

L'uomo, dopo averla afferrata, è riuscito a riavvicinarsi alla riva del fiume. La donna è stata trasportata direttamente al pronto soccorso del Fatebenefratelli dal gommone dei Vigili del Fuoco. Il soccorritore è stato invece aiutato dagli agenti del Commissariato Celio che lo hanno accompagnato negli uffici di polizia.

In Commissariato - ha reso noto la Questura - l'uomo è stato rifocillato e fatto riposare; completamente "zuppo", gli sono anche stati forniti abiti nuovi acquistati dagli stessi agenti. Poi gli è stato rilasciato un permesso di soggiorno per motivi umanitari.