Articoli correlati

Riscaldamento globale, entro il 2060 l'Artico sarà completamente navigabile

Il sogno di navigare attraverso il polo Nord potrebbe trasformarsi in realtà entro il 2060. Tra 50 anni infatti l'oceano Artico potrebbe diventare completamente navigabile anche per le navi 'normali', secondo una serie di previsioni realizzate da un gruppo di ricercatori dell'Università della California di Los Angeles e pubblicate sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, il Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas). "Non è purtroppo una novità - ha spiegato Massimo Frezzotti, responsabile dell'unità Antartide per Enea - lo scioglimento dei ghiacci artici rappresenta forse il fenomeno più macroscopico di quello che sono i cambiamenti climatici in atto. Basti pensare che fino agli anni '80 l'estensione dei ghiacci era di circa 8 milioni di chilometri quadrati, oggi è praticamente dimezzata e si tratta di un fenomeno che accelera".
Il riscaldamento climatico sta rapidamente trasformando le aree artiche - Entro mezzo secolo l'oceano artico potrà essere facilmente solcato dalle navi "tradizionali" mentre i rompighiaccio potranno probabilmente "tagliare" completamente i ghiacci aprendo la strada più corta attraverso il polo. "In realtà - ha proseguito Frezzotti - lo scioglimento sta avvenendo più rapidamente di quanto previsto finora. Solo 10 anni fa nessuno avrebbe mai pensato a una riduzione così drastica, neanche i modelli più pessimisti lo prevedevano". Come analizzato dai ricercatori californiani, questa "rivoluzione" geografica avrà conseguenze difficilmente valutabili non solo in ambito climatico ma anche politico, perché modifica gli equilibri tra le nazioni che circondano l'Artico: "aumentano le possibilità di sfruttamento aree polari, come ad esempio per la pesca o gli idrocarburi ora più facilmente accessibili, mancano però strumenti governativi per regolare queste situazioni nuove".
I cambiamenti climatici stanno sconvolgendo l'ambiente artico - Per secoli un gran numero di esploratori e avventurieri si sono dedicati alla ricerca di possibili vie di passaggio navigabili attorno al circolo artico che permettessero alla navi di collegare i porti di oceano Atlantico e Pacifico. Le "strade" teorizzate erano due, i cosiddetti passaggi a Nord-Ovest e a Nord-Est, ma tutte si rivelavano impercorribili a causa dei ghiacci. I cambiamenti climatici stanno ora sconvolgendo l'ambiente artico e nel giro di pochi decenni renderanno navigabile buona parte di questi mari, tanto da far supporre la possibilità di attraversare completamente la banchina ghiacciata, ormai sempre più sottile.
05 marzo 2013
Redazione Tiscali
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
  
 

Segui Tiscali su:

© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali