Articoli correlati

Anche le piccole scimmie sanno usare sassi e rami come strumenti

Non soltanto l'uomo e i grandi primati, ma anche le piccole scimmie sanno usare strumenti in modo organizzato, trasformando sassi, pietre e tronchi in martelli e incudini. La scoperta, italiana, costringe a rivedere una pagina dell'evoluzione e fornisce nuove prospettive per studiare il comportamento dei nostri antenati. La ricerca, coordinata da Elisabetta Visalberghi, etologa dell'Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR) ha indagato sui processi decisionali e l'uso di strumenti nei cebi cappuccini, piccole scimmie dalla cosa prensile, dalle dimensioni simili a quelle di un gatto. Lo studio è stato presentato a Rovereto, nel convegno su Evoluzione e cognizione organizzato dal Centro Interdipartimentale Mente-Cervello (CIMeC) dall'università di Trento.
Si riscrive la pagina dell'evoluzione - "Si pensava che l'abilità con gli strumenti fosse un attributo unico degli antenati degli uomini e degli scimpanzé, un'abilità che li distingueva dalle altre specie animali", osserva Visalberghi. La scoperta che anche le piccole scimmie usano strumenti apre adesso nuove domande sul modo in cui, nel corso dell'evoluzione, si è affermata una capacità complessa come quella dell'uso di strumenti. "Andando ad osservare i cebi e gli scimpanzé - rileva la ricercatrice - possiamo osservare il comportamento dei nostri antenati. Possiamo utilizzare il comportamento di animali viventi per capire il comportamento di antenati estinti, che non possiamo più studiare direttamente".
Alcuni cebi usavano i sassi come martelli - La ricerca coordinata da Visalberghi è stata condotto a partire dal 2004 in Brasile, a Fazenda Boa Vista, dove i ricercatori hanno scoperto che alcuni gruppi di cebi usavano pietre come rudimentali martelli e incudini per rompere frutti durissimi. "Queste scimmie, con un antenato comune all'uomo che risale a 35 milioni di anni fa, mostrano comportamenti sofisticati", ha osservato Visalberghi. "Rompono frutti durissimi selezionando martelli che trasportano verso le incudini. ovvero massi o tronchi: tutto ciò mostra che queste piccole scimmie, grandi come un gatto, hanno delle capacità di organizzare il proprio comportamento in maniera efficiente e di ragionare su questi problemi".
Senza contare il fatto che "i sassi nell'habitat di queste scimmie sono rarissimi - Ce ne sono circa 10 per ogni ettaro". Sono state identificate anche le tracce di una tradizione culturale che viene tramandata: "abbiamo osservato dei siti dove le scimmie usavano sassi già utilizzati da altri, in una specie di cultura legata ai luoghi. Si creano anche nuovi siti - ha concluso la ricercatrice - mentre altri vengono abbandonati".
29 giugno 2012
Redazione Tiscali
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
 

Segui Tiscali su:

Comunica con i servizi Tiscali:

Informati con Tiscali:

Cerca le aziende e servizi della tua città

Sei a:
Cerca:
 
Le rubriche

Né di qua né di là

Le rubriche
Importanti firme commentano i principali fatti di cronaca, economia, società e ambiente

Incontra online milioni di single!

Sono:
Dove:
Età:       
© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali