"> Antonio Di Pietro a Beppe Grillo: "Di opposizione si muore, da lui ho sentito solo proteste" | <!--#include virtual="/v006/inc/title/generico.html"-->
Articoli correlati

Antonio Di Pietro a Beppe Grillo: "Di opposizione si muore, da lui ho sentito solo proteste"

Prove di dialogo tra Idv e Beppe Grillo. Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris chiede all’attore comico, dal palco dell'Idv a Vasto, "un confronto politico" su contenuti e programmi. De Magistris, applauditissimo dalla platea dei dipietristi, dichiara che i sindaci "sono disponibili da subito a dare il proprio contributo in termini di idee e di programmi" per cambiare "davvero le cose in questo Paese". "Basta, ad esempio, con le privatizzazioni selvagge, dobbiamo far funzionare il pubblico", aggiunge.

Tende la mano a Grillo anche Di Pietro.
"Basta con le astuzie e le furbizie. Si deve fare una legge elettorale che serva davvero a rendere questo Paese governabile. Se si vuole, invece, arginare solo Grillo, basta dare delle risposte serie ai cittadini", ha detto il leader dell'Idv Antonio Di Pietro concludendo la tre giorni di Vasto. "Beppe Grillo ora fa quello che io già facevo dieci anni fa... Ma in questi anni ho imparato che oltre alla protesta si devono trovare anche delle soluzioni concrete per affrontare i temi del Paese. Protestare é facile, governare è molto più difficile...": è questo uno dei passaggi del discorso di chiusura di Di Pietro a Vasto.
"Di opposizione si muore", mentre noi "vogliamo costruire una politica di governo alternativa". "Noi non proponiamo la mera protesta del Movimento cinque stelle". Lo ha detto il leader dell'Idv Antonio Di Pietro chiudendo la festa del partito a Vasto.
"Noi non proponiamo la mera protesta del Movimento cinque stelle - ha spiegato -, noi vogliamo costruire un programma anche con dei compromessi che non sono un passo indietro ma un passo avanti" perchè dobbiamo essere alternativi "non solo alla politica di Berlusconi che non è una politica, è un uso improprio di funzione pubblica, ma anche alternativi alle politiche di Monti".

Grillo piace anche a qualche leghista
. "Secondo gli ultimi sondaggi Grillo in Calabria rischia di diventare il primo partito. Sarebbe bellissimo, vorrebbe dire che i cittadini in quella zona devastata dalla criminalità avrebbero avuto il coraggio davvero di cambiare le cose". Lo ha detto il sindaco leghista di Verona Flavio Tosi intervenendo all'incontro dell'Idv di Vasto.
23 settembre 2012
Redazione Tiscali