Stretta sui sottosegretari e viceministri: si va verso una "squadra" di trenta. Possibile ingresso di politici

Prove tecniche di lavoro per la "vasta maggioranza non politica" del governo Monti. Dopo l'incontro con i presidenti di Camera e Senato resta ora da completare la "squadra", con sottosegretari e viceministri. Saranno probabilmente una trentina in tutto, tecnici "di area". Ma non è affatto escluso anche l'ingresso di qualche politico, stando almeno alle affermazioni del ministro della Sanità Renato Balduzzi: "Come orientamento abbiamo l'apertura da parte del presidente del consiglio a ricevere indicazioni sul tipo di collaboratori di cui abbiamo bisogno. Essendo i ministri senza esperienza parlamentare abbiamo bisogno di qualche altro tipo di esperienza e certamente uno dei criteri potrebbe essere quello politico". Il dossier è in mano a Monti.
La trattativa con i partiti è in corso e dei suoi sviluppi il premier potrebbe aver informato il presidente Napolitano nel lungo incontro di questo pomeriggio al Quirinale. I rapporti con i partiti in Parlamento sono essenziali alla riuscita delle politiche del governo "dei tecnici". In particolare, bisogna interagire con due partiti, il Pdl e il Pd che a stringere "larghe intese" tra loro non ci pensano proprio. Per questo la soluzione individuata sarebbe quella di una interlocuzione diretta tra il premier e i capigruppo, di volta in volta, sui singoli provvedimenti. Mentre i ministri si rapporteranno con i referenti dei partiti competenti nelle commissioni per le diverse materie.
Ma perché le Camere possano tornare a lavorare a pieno ritmo, è pregiudiziale la nomina di sottosegretari e viceministri che possano seguire i lavori delle commissioni. Ed é questa la ragione per cui l'intenzione è quella di portare la lista già venerdì in Consiglio dei ministri. O comunque di chiudere la partita nomine nel primo Cdm utile (magari all'inizio della prossima settimana). Contatti tra le segreterie dei partiti e il presidente del Consiglio sono in corso. Ma un incontro potrebbe avvenire nelle prossime ore (più probabilmente domani sera, al ritorno del premier da Strasburgo). Si parla di un colloquio "a più voci": Monti convocherebbe insieme i leader i Pdl, Pd e Terzo polo. Ma viste le resistenze di democrat e pidiellini a una 'fotografia' da larghe intese, ci potrebbero essere anche incontri 'bilaterali', con ciascuno separatamente. Intanto, Pier Luigi Bersani smentisce ogni "vertice di maggioranza", perché "non c'é una maggioranza". Monti, sottolinea Bersani, deciderà "tempi, logiche e criteri" delle nomine: "Noi ci atterremo".
Al momento un accordo sembra trovato sui numeri: si parla di 25 sottosegretari e cinque viceministri (più qualcuno di diretta emanazione del premier), da individuare tra i tecnici "di area" assegnando al Pdl e al Pd il 40% ciascuno e al Terzo polo il 20% dei posti. Quanto ai nomi, dalle segreterie si racconta che nelle prossime ore verrà completato l'invio a palazzo Chigi dei curricula, con note a margine, dei candidati. Intanto, in un Transatlantico di Montecitorio semideserto, si nota la presenza di diversi "aspiranti sottosegretari". E' solo un pallido sintomo, commenta qualcuno, dell'assedio di (auto)candidature degli ultimi giorni. Se si sommano le divergenze (talvolta aspre) tra le diverse correnti, si avrà un'idea delle ragioni che spingono più d'uno a dubitare che Monti riesca a chiudere il dossier già venerdì. E che inducono qualcuno, nei partiti, a guardare con sollievo all'eventualità che il premier accentri alla fine ogni decisione.
24 novembre 2011
Redazione Tiscali
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
 

Segui Tiscali su:

Comunica con i servizi Tiscali:

Informati con Tiscali:

Cerca le aziende e servizi della tua città

Sei a:
Cerca:
 
Le rubriche

Né di qua né di là

Le rubriche
Importanti firme commentano i principali fatti di cronaca, economia, società e ambiente

Incontra online milioni di single!

Sono:
Dove:
Età:       
© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali