Atene, il Partenone e la bandiera europea della Grecia Atene, il Partenone e la bandiera europea della Grecia 
Articoli correlati

Grecia al voto con la paura di doverci tornare. L'incognita di Syriza. Elezioni cruciali per futuro Eurozona

Gli indecisi sarebbero ancora 700mila, ma anche loro potrebbero non bastare a far pendere domani l'ago della bilancia dalla parte dei favorevoli o dei contrari al piano di salvataggio negoziato dalla Grecia con Ue ed Fmi: oltre alla necessità di un governo di coalizione, la vigilia del voto greco offre poche certezze e più di una possibilità di una ripetizione dello stallo politico del 6 maggio scorso.

E’ testa a testa tra Nea Demokratia e Syriza - I sondaggi - non ufficiali - danno i conservatori di Nea Demokratia e la sinistra radicale del Syriza impegnati in un testa a testa, con il 30%v circa delle preferenze ciascuno: un aumento deciso rispetto al voto di un mese fa ma insufficiente per una maggioranza assoluta e ottenuto a spese degli altri partiti che andrebbero a far parte di una ipotetica coalizione, i socialisti del Pasok nel campo pro-europeo o le altre formazioni favorevoli a un più ampio negoziato del piano di salvataggio. In attesa dell'aritmetica - e molto dipenderà da dove finirà il premio di maggioranza, pari a circa il 15% dei seggi - secondo gli analisti quale che sia il risultato del voto sarà impossibile sfuggire alla necessità di un nuovo negoziato con i creditori, se non dal lato dell'Fmi, più intransigente, da quello dell'Ue che sarebbe invece pronta - o forse rassegnata - a concedere ad Atene quanto politicamente possibile pur di salvare l'euro.
Sia Nd che Pasok vogliono contrattare con l'Ue - Sia Nd che Pasok hanno infatti espresso la volontà di contrattare se non la sostanza almeno i dettagli del piano di salvataggio, e in particolar modo la tempistica: rientrare cioè negli obbiettivi prefissati di risanamento del debito non in due anni ma almeno in tre, ferme restando le riforme strutturali intraprese: questo è un obbiettivo che anche l'Fmi sarebbe disposto ad assecondare. Tutt'altro atteggiamento accoglierebbe le proposte del leader del Syriza, Alexis Tsipras, che intenderebbe invece di qui al vertice dell'Ue previsto il 28 giugno prossimo avviare un negoziato "puro e duto" che prevede la sospensione delle privatizzazioni e la nazionalizzazione delle banche, senza mettere in forse la permanenza di Atene in Ue o nella moneta unica. 

Vittoria di Hollande in Francia fattore favorevole - nelle presidenziali francesi potrebbe essere un fattore favorevole La scommessa di Tsipras è che la permanenza nell'euro e l'accettazione del piano di aiuti non vadano insieme, ovvero che l'Europa farà di tutto pur di preservare la moneta unica, checché ne pensino l'Fmi o Paesi come la Germania: in questo senso la vittoria di François Hollande nelle presidenziali francesi potrebbe essere un fattore favorevole, ma che certo non garantisce da solo il buon esito della manovra dato che Bruxelles, se non può permettersi di mandare a monte l'euro, ancor meno può dare l'impressione ai mercati di fissare delle regole di austerità fiscale per poi non rispettarle alla prima occasione. In gioco rimangono al momento 90 miliardi di euro, quelli che Atene dovrà ricevere di qui al 2015 pena la bancarotta e il fallimento dei duri sacrifici fin qui sopportati: fondi il cui versamento è stato al momento sospeso, in attesa di un verdetto elettorale che renda la situazione più chiara per tutti.

Colloquio Hollande-Merkel sul futuro della Grecia - Il Presidente francese Francois Hollande e il cancelliere tedesco Angela Merkel hanno avuto oggi un colloquio telefonico "costruttivo e fruttuoso" sulla situazione della Grecia e dell'Unione europea E' quanto ha reso noto l'Eliseo, alla vigilia delle elezioni in Grecia. Hollande e Merkel "hanno avuto uno scambio di opinioni sulla situazione in Grecia, sulla preparazione del summit del G20, così come sul prossimo consiglio europeo del 28 e 29 giugno. Queste questioni hanno offerto l'occasione di discussioni costruttive e fruttuose tra i due leader", si legge nella nota.
 
16 giugno 2012
Redazione Tiscali
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
 

Segui Tiscali su:

Comunica con i servizi Tiscali:

Informati con Tiscali:

Cerca le aziende e servizi della tua città

Sei a:
Cerca:
 
Le rubriche

Né di qua né di là

Le rubriche
Importanti firme commentano i principali fatti di cronaca, economia, società e ambiente

Incontra online milioni di single!

Sono:
Dove:
Età:       
© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali