Articoli correlati

Draghi: "L'Ue impone ai giovani eterna flessibilità, ma è uno spreco che non possiamo permetterci"

Lanci di uova a Roma, all'Università La Sapienza, al corteo di auto che accompagnava il presidente della Bce, Mario Draghi, al convegno in memoria dell'economista Federico Caffè. Secondo alcune fonti della security, almeno tre uova avrebbero colpito la macchina della scrota di Draghi. Uscendo dall'ateneo, dove ha tenuto un lungo intervento sulla politica monetaria, Draghi non ha voluto rispondere alle richieste di commenti e alle domande che gli venivano rivolte da una troupe televisiva e si è limitato ad affermare "si legga il discorso". Il convegno si è svolto presso la facoltà di economia de La Sapienza ed è stato preceduto da rumorose contestazioni da parte di alcune decine di giovani e studenti.
Draghi: "L'Ue impone ai giovani eterna flessibilità" - Il modello sociale europeo e il mercato del lavoro è iniquo nei confronti dei giovani gravandoli di "una eterna flessibilità senza speranze di stabilizzazione". Lo ha affermato il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi. In media, nell'area euro, la disoccupazione giovanile è al 21,9 per cento, e il sistema "porta tra l'altro le imprese a non investire nei giovani il cui capitale umano spesso di deteriora in impieghi di scarso valore". L'iniqua distribuzione del peso della flessibilità che il modello sociale europeo impone ai giovani è "uno spreco che non possiamo permetterci".
Si spende più per le pensioni che per i giovani - In Italia a fronte di un'incidenza della spesa sociale sul Pil in linea con quella Ue, quella di sostegno ai disoccupati alle famiglie, in particolare quelle a rischio povertà, "è su livelli pari a meno della metà rispetto a quelli europei, mentre la spesa pensionistica è nettamente superiore".  "In Italia - ha sottolineato ancora Draghi - la recente riforma pensionistica che sancisce il passaggio integrale al contributivo completa la necessaria correzione della dinamica della spesa previdenziale avviata anni fa". Il caso tedesco, ha osservato inoltre "dimostra assai bene che estesi ed efficaci sistemi di welfare possono essere resi più efficienti senza compromettere le finalità sociali".
Per Draghi crescita ed equità "sono strettamente connesse". E al tempo stesso "non può esserci crescita sostenibile senza finanze pubbliche in ordine". Per questo serve il patto sulla disciplina di bilancio rafforzata, il fiscal compact a cui ora bisogna affiancare un patto sulla crescita. Ma appunto "senza crescita, lo dicono anche gli eventi di questi mesi, prendono forza le tentazioni a rinchiudersi nel proprio particolare, la solidarietà scema" e rischia di frantumarsi.
Draghi: "Banca centrale non può essere salvatore banche" - Le banche dell'area euro devono rimettersi in condizioni di finanziare l'economia reale: "è essenziale per la crescita e per l'occupazione", ha avvertito il presidente della Bce Mario Draghi intervenendo ad un convegno a Roma. Con le sua maxi operazioni di rifinanziamento straordinarie alle banche - gli Ltro, prestiti a tre anni - la Bce "ha rimosso uno degli impedimenti" all'afflusso di credito bancario al settore privato: ha tolto l'impedimento che c'era a causa dlela mancaza di liquidità. Tuttavia la Bce "nulla può per sopperire all'eventuale mancanza di capitale - ha detto Draghi - per mutare l'avversione al rischio o per rimuovere gli ostacoli a carattere nazionale". In ogni caso ci vorrò tempo, ha ribadito Draghi, per valutare il pieno effetto dei maxi prestiti. Ad ogni modo "è vitale per la crescita e l'occupazione, che gli istituti di credito tornino a porsi in condizione di rifinanziare l'economia".
Draghi : "Mia tesi di laurea era critica sulla moneta unica" - "La mia tesi di laurea, come sapete, con il professor Federico Caffé, si intitolava 'Avvio verso la moneta unica' ed era molto critica". Così il presidente della Bce Mario Draghi ricorda alla fine della lezione in memoria dello scomparso economista di cui fu allievo, la sua tesi di laurea. "Come cambia la vita" ha aggiunto Draghi che ha ricordato anche come Caffé abbia insegnato ai suoi allievi "a pensare con la propria testa e non ha trasmesso un credo vincolante".
24 maggio 2012
Redazione Tiscali
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
 

Segui Tiscali su:

Comunica con i servizi Tiscali:

Informati con Tiscali:

Cerca le aziende e servizi della tua città

Sei a:
Cerca:
 
Le rubriche

Né di qua né di là

Le rubriche
Importanti firme commentano i principali fatti di cronaca, economia, società e ambiente

Incontra online milioni di single!

Sono:
Dove:
Età:       
© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali