Articoli correlati

Fracassano la faccia ad un anziano: arrestati due poliziotti. Incastrati da una telecamera di sicurezza

Due agenti della Questura di Milano, entrambi 25enni, sono stati arrestati per lesioni gravissime, falso ideologico e calunnia perché accusati di aver massacrato di botte un uomo di 63 anni intorno alle 3 di notte del 21 maggio scorso in viale Gorizia, in zona Ticinese a Milano, mentre i due si trovavano liberi dal servizio in abiti civili. Ad incastrare i due è stato un video ripreso dalle telecamere di sicurezza della zona che avrebbero documentato l'intera aggressione, di cui al momento non sono chiari i motivi.
Denunciati dopo un mese - La vittima, l'incensurato Vittorino Luigi M., aveva presentato denuncia dopo essere stato dimesso con 40 giorni di prognosi dall'ospedale Policlinico dove era rimasto ricoverato per 4 giorni. Nel provvedimento firmato dal giudice si legge che i due agenti, Federico S. e Davide S. (entrambi di origine siciliana) si fa riferimento a diverse lesioni allo zigomo, al setto nasale, al bulbo oculare e alla mascella che hanno comportato un "fracasso di faccia" con una "deformazione permanente del viso".
La dinamica del pestaggio - ll 63enne si trovava in viale Gorizia insieme con la sua compagna 50enne quando sarebbe nato un diverbio con i due agenti che si trovavano sul marciapiede opposto. Potrebbero essere volate parole grosse e l'uomo si sarebbe tolto la camicia forse inveendo contro i due che, a questo punto, avrebbero attraversato la strada aggredendo l'uomo con pugni e calci in faccia in mezzo alla carreggiata e poi lo avrebbe trascinato per i piedi poco distante. Infine gli agenti fuori servizio hanno chiamato il 118 perché soccorresse il ferito e sono andati in Questura dove hanno compilato un verbale in cui hanno scritto che l'uomo li aveva aggrediti e che, nella concitazione di quei momenti, il 63enne si era ferito al volto cadendo per una spinta, e chiedendo di procedere contro di lui per resistenza a pubblico ufficiale.
Incastrati dalle telecamere di sicurezza - Quando il giorno seguente i loro colleghi hanno però acquisito le immagini delle telecamere di sicurezza la ricostruzione dei due poliziotti è apparsa evidentemente strana. E i dubbi sono aumentati di fronte alle diverse e gravi fratture riscontrate dai medici del Policlinico sul viso dell'uomo (difficilmente compatibili con una caduta per una spinta) e che avevano costretto il 63enne (trovato con un tasso alcolemico superiore alla norma) ad un ricovero di quattro giorni e poi a una lunga prognosi.
Arrestati e condotti a San Vittore - Dopo le indagini coordinate dal Pm di Milano Tiziana Siciliano e dall'aggiunto Alfredo Robledo, i due agenti sono stati arrestati oggi e reclusi nella casa circondariale di San Vittore con l'accusa di concorso in lesioni "con l'aggravante di aver cagionato la deformazione permanente del viso, nonché dell'aver agito con l'abuso delle funzioni di agenti della Polizia di Stato e per motivi abietti e futili", oltre che dei reati di falso e calunnia, per aver incolpato l'aggredito "di resistenza a pubblico ufficiale, pur nella consapevolezza della sua innocenza".
29 giugno 2012
Redazione Tiscali
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
 

Segui Tiscali su:

Comunica con i servizi Tiscali:

Informati con Tiscali:

Cerca le aziende e servizi della tua città

Sei a:
Cerca:
 
Le rubriche

Né di qua né di là

Le rubriche
Importanti firme commentano i principali fatti di cronaca, economia, società e ambiente

Incontra online milioni di single!

Sono:
Dove:
Età:       
© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali