"> Cina da record, ecco il treno proiettile: viaggia a 400 Km orari | <!--#include virtual="/v002/inc/title/generico.html"-->

Cronaca

Cina da record, ecco il treno proiettile: viaggia a 400 Km orari

La Cina ha inaugurato pochi giorni fa una nuova linea ferroviaria ad alta velocità tra Wuhan, nel centro del Paese, e Guangzhou (Canton) nel sud: secondo le autorità è la più rapida al mondo, con una velocità media di 350 km all' ora. Lo hanno riferito i media ufficiali. La linea, lunga 1.069 km e i cui lavori erano cominciati nel giugno 2005, costituisce - ha precisato l'agenzia Nuova Cina - uno dei tronconi di quella che collegherà Pechino a Guangzhou, capoluogo della provincia del Guandong, una delle principali zone industriali della Cina. Mostrando le immagini dei nuovi convogli in partenza dalla stazione di Wuhan, fabbricati grazie a trasferimenti di tecnologia straniera, la televisione ufficiale Cctv ha sottolineato che il tragitto fra le due metropoli sarà percorso in tre ore, contro le 10 necessarie prima dell'entrata in funzione della nuova linea.
"Il treno può raggiungere i 394,2 km orari, è il più veloce al mondo", ha dichiarato Zhang Shuguang, direttore dell'Ufficio trasporti al ministero cinese delle Ferrovie, e ha superato il giapponese Shinkansen e il MagLev tedesco, il treno a levitazione magnetica. Il "treno proiettile" tra Wuhan e Guangzhou fa parte di ambizioso progetto di velocizzazione del sistema ferroviario cinese, che prevede un investimento di 293 miliardi di dollari. Oltre alla linea già realizzata che unisce Pechino alla città portuale di Tianjin (mezz' ora per coprire i circa cento chilometri che separano le due metropoli), è prevista una nuova linea tra Pechino e Shanghai che dimezzerà il tempo necessario per il viaggio, portandolo dalle attuali dieci a cinque ore. Il progetto è stato criticato da alcuni esperti e dal pubblico. Il banchiere esperto di Cina Michael Pettis ha sostenuto che esso fa parte delle misure di stimolo all' economia che danno troppa importanza alle infrastrutture e troppo poca all'innalzamento del tenore di vita della maggioranza della popolazione. Zhao Jiang, professore di economia dell'Università Jiaotong di Pechino, ha sostenuto che l'eccessiva spesa statale potrebbe portare a una crisi paragonabile a quella dei "cattivi mutui" americani.
Il quotidiano Global Times ha riportato le dichiarazioni di alcuni lavoratori immigrati nel Guangdong, che lamentano il fatto che i biglietti del treno superveloce costano 780 yuan (78 euro) in prima classe e 490 (49 euro) in seconda, cioè poco meno di un viaggio in aereo in bassa stagione. "E' incredibile - ha detto uno dei cittadini interpellati - sicuramente diventerà un servizio esclusivo per i ricchi e per i funzionari statali".
28 dicembre 2009